Ad agosto studenti da tutta Europa a Cividale

26 Luglio 2015

 

CIVIDALE – Come ogni anno dal 1988, anche questo mese di agosto Cividale lega il proprio nome ai celebri Corsi internazionali di perfezionamento musicale (o International Music Mastercalasses) e agli Incontri di musica da camera, che la scorsa estate hanno richiamato nella città ducale il numero record di 160 studenti da tutta Europa per approfondire conoscenze e pratica musicale sotto la guida di maestri di fama internazionale. Organizzati dal Comune di Cividale – Assessorato alla Cultura, con la direzione artistica dell’Associazione Musicale “Sergio Gaggia” e la cooperazione di numerose realtà associative locali, i Corsi e gli Incontri – questi ultimi un vero e proprio festival – rappresentano le due facce di un unico evento fra i più interessanti del panorama musicale estivo mitteleuropeo, un appuntamento culturale che coniuga bellezze naturali e artistiche cividalesi con la grande musica da camera.

La XXVIII edizione occuperà tutta la prima metà di agosto, fino al 14, e per quanto riguarda i corsi prenderà ufficialmente il via già il 27 luglio con le classi di Priya Mitchell, volino e Dirk Mommertz, pianoforte. L’inagibilità per i lavori di ristrutturazione del Monastero di Santa Maria in Valle, ha mosso quest’anno la solidarietà di varie associazioni e privati cittadini al fine di mettere a disposizione altri spazi, che faranno del centro di Cividale un unico, grande laboratorio musicale.

Tra gli insegnanti vi sono concertisti di rango assoluto, abituali frequentatori dei più rinomati festival estivi internazionali, come Kronberg, Gstaad, Buvois, Schleswig-Holstein, Kuhmo, Lockenhaus, Stavanger: gli stessi artisti che, smessi gli abiti diurni di docenti, la sera diventano i protagonisti degli Incontri di musica da camera, l’altro imperdibile versante dei corsi cividalesi. Seguiti da un pubblico di estimatori sempre più qualificato e numeroso, i concerti serali sono stati anche negli anni l’occasione per scoprire alcune delle bellezze nascoste di Cividale, adibite a palcoscenico diffuso: chiese, cortili, chiostri, ma anche saloni, giardini e palazzi privati normalmente non accessibili al pubblico e messi generosamente a disposizione dai proprietari.
Quest’anno una conferenza del costruttore Luca Waldner, dal titolo “La chitarra di liuteria” completerà tra l’altro il corposo settore dedicato alla chitarra dei corsi, presso il salone della Somsi il 31 luglio alle 15.30.

Gli Incontri 2015, si apriranno il 1 agosto sera in uno spazio inedito ai Corsi, ossia il giardino della Villa di Lenardo – Zuzzi, messa a a disposizione da Giuseppe Barbiani. con l’ormai tradizionale e popolare concerto concepito dal docente di mandolino, Sergio Zigiotti, in un laboratorio costituito dagli studenti e dalla storica orchestra udinese Tita Marzuttini, in un programma dal titolo Il liuto gentile che esplorerà la letteratura friulana scritta per questo organico. Novità di questa edizione è la collaborazione con la Comunità Montana del Torre, Natisone e Collio, grazie alla quale 2 appuntamenti si svolgeranno nella valli del Natisone.

Il primo è domenica 2 agosto ad Antro, alle 18.00 nella suggestiva Pieve di San Silvestro con due ottimi chitarristi: le Noches en los Jardines de Espana saranno evocate da Giulia Ballarè e dallo spagnolo Mabel Millan. La sera stessa subito la grande musica da camera, con capolavori di Beethoven e Schnittke, protagonisti la violinista inglese Priya Mitchell, il pianista tedesco Dirk Mommertz (incide per la Deutsche Grammophon) e il violoncellista americano Michael Flaksman, alle 21 presso il Salone del Centro San Francesco.
Gli incontri proseguono a ritmo serrato il 3 agosto alle 21 con un altro programma dedicato alla chitarra – Marcos Victora-Wagner e Davide Giovanni Tomasi i solisti – il pubblico potrà visitare quello che fu la sede uno dei più prestigiosi salotti culturali del Friuli della Belle Epoque, il salone di Palazzo Craigher, ora Costantini.

Il 4 agosto, alle 21 nella chiesa di San Francesco un programma da non perdere a tutti i costi, ospite la celebre orchestra dell’Accademia del Ricercare, che con il suo organico maggiore – archi flauti, cornamuse e clavicembalo – presenterà uno spettacolare programma dal titolo Splendore del Barocco.

Il 5 agosto, nella Chiesa di Santa Maria di Corte, serata dedicata al violoncello con il duo formato dalla coreana Wan Chih Chung al pianoforte e dall’archetto friulano, studente da anni in Germania, Chiara Trentin.

Il 6 agosto si ritorna per la seconda e ultima volta nelle Valli del Natisone, con la fisarmonica classica di Davide Zorzenon e Ozren Grozdanić che saranno alle 21 i virtuosi protagonisti nella bellissima Pieve di San Leonardo, nell’omonima frazione.

Con il 7 agosto, ospite il pianista Aleksandar Serdar si entra nella seconda spettacolare e intesa parte della rassegna. Ogni concerto vede la presentazione di un capolavoro assoluto completato da altri brani che fanno da corollario. Qui sarà la sonata “Appassionata” di Beethoven a costituire il cuore del programma, completato anche dalla presenza del giovane talento serbo Aleksandar Raos. L’8 agosto si presenta il lavoro laboriatoriale curato dal grande violista Vladimir Mendelssohn, con al centro il quintetto per archi op. 88 di Brahms. Ancora Beethoven il 9 agosto con il primo concerto delle 18 al Teatro Ristori – la prima sinfonia – con l’orchestra Thomas Schippers, che prelude all’appuntamento delle 21, sempre nello stesso Teatro, un’imperdibile serata per tutti gli appassionati del tango, con il ritorno a Cividale del bandoneonista argentino Marcelo Nisinman e del suo quintetto, in un concerto dal titolo “Nubes de Buonos Aires”.

Il dieci si ritorna nello spazio della Chiesa di San Francesco, sempre alle 21, per un altro appuntamento di sicuro richiamo, dal titolo Tra melodie sefardite e slovacche, protagonisti la cantante Romina Basso, eccezionale interprete, tra le voci più ricercate del mondo barocco, il chitarrista Alberto Mesirca e il violoncellista slovacco Jozef Luptak. Serata tutta dedicata a capolavori di Beethoven per violoncello e clarinetto il concerto dell 11 sera presso il salone del Centro San Francesco, in cui si esibirà anche la nuova docente americana di clarinetto Caroline Hartig.

Nello stesso spazio e sempre alle 21, il 12 e 13 agosto due monumentali brani cameristici, il quintetto con pianoforte op. 34 ed il quartetto con pianoforte op.26 costituiranno il cuore dei due programmi presentati, con protagonisti tra l’altro il violinista inglese Daniel Rowland e la pianista ucraina Natacha Kudritskaya.

Si ritorna nello grande spazio della Chiesa di San Francesco per il gran finale di venerdì 14 agosto, con capolavori di Vivaldi e Bach per violino e per oboe e orchestra con tutti i maestri degli archi, tra cui i violisti russi Michail Zemtsov e Yulia Dinerstein e l’oboista sloveno Matej Sarc.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!