A dispetto della pandemia al Farfabruco il Carnevale c’è!

10 Febbraio 2021

PORDENONE. Tempo di carnevale al nido d’infanzia Farfabruco di Pordenone dove l’equipe educativa della Cooperativa sociale Itaca è impegnata ogni giorno per far vivere ai bambini esperienze di normalità nonostante l’emergenza sanitaria. Mantenuti tutti gli appuntamenti previsti nell’anno educativo, pur se riformulati secondo il protocollo di sicurezza e nel pieno rispetto di tutte le misure anti Covid-19. E sono già in programma due intense giornate in maschera per festeggiare il carnevale, la festa che tutti i bambini attendono con impazienza. Giovedì grasso, 11 febbraio, i bimbi festeggeranno ognuno nella propria bolla, cantando, ballando e mascherandosi, faranno merenda con i crostoli preparati dalla cuoca Paola e da Keya, nuova tirocinante e aiuto cuoca. Martedì grasso, 16 febbraio, nuova festa per salutare il carnevale, sempre ognuno nella propria bolla, facendo merenda con le frittelle. Le cuoche Paola e Keya hanno pensato anche a menù speciali per i bimbi, preparati nella cucina interna al nido, tra i quali le Stelle filanti colorate di pasta fresca con ragù bianco, o ancora i Coriandoli di gnocchetti ai tre colori al burro e salvia.

Mentre proseguono al nido d’infanzia Farfabruco della Cooperativa Itaca le attività pedagogiche dedicate ai bambini in fascia 0-36 mesi, il servizio è pronto ad accogliere nuove iscrizioni. A tal fine l’equipe educativa del Farfabruco ha previsto due giornate di “Nido aperto” rivolte ai genitori, che si effettueranno in presenza ma solo previo appuntamento, in ottemperanza alle vigenti disposizioni regionali e nazionali per contrastare l’emergenza sanitaria da Covid-19. Il Farfabruco sarà aperto alle famiglie nelle giornate di sabato 13 febbraio dalle 9.30 alle 12.30 e mercoledì 17 febbraio dalle 16.30 alle 18. Per ulteriori informazioni e per concordare gli orari di visita, le famiglie possono contattare il nido al numero 0434 504027 (in fascia oraria 13-15), oppure tramite mail scrivendo a nidofarfabruco@itaca.coopsoc.it. Il Farfabruco è accreditato con la Regione, il che consente alle famiglie di usufruire delle agevolazioni statali, regionali e comunali.

Procedono, nonostante il Covid-19, le attività quotidiane al nido Farfabruco, grazie all’impegno e alla dedizione dell’equipe educativa che ha trasformato le restrizioni, legate alla prevenzione e diffusione del contagio, in opportunità. Una delle direttrici di lavoro del progetto pedagogico del Farfabruco, ancor prima della pandemia, era l’outdoor education, che in questi mesi è stata potenziata dando slancio e spinta propulsiva a una scelta compiuta diversi anni fa dalla Cooperativa Itaca. Le giornate all’aria aperta, infatti, si susseguono serene con proposte pensate e programmate in armonia con la stagionalità, coniugando le esperienze che la natura offre con giochi creativi e piccoli esperimenti di trasformazione, da far vivere ai bambini in un susseguirsi di attività ed emozioni: dall’acqua che diventa ghiaccio e consente di assaporare l’intensità del ghiacciolo alla salvia, alle sperimentazioni con il tavolo luminoso per osservare tutti i riflessi dei colori, dai salti dentro le pozzanghere, ai piccoli laboratori di giardinaggio. Al Farfabruco cura particolare è riservata anche all’alimentazione dei bambini con menù speciali, preparati dalle cuoche nella cucina interna al servizio, che offrono pietanze sane e colorate secondo la disponibilità di prodotti stagionali

Resta prioritaria l’attenzione rivolta alla comunicazione con le famiglie. L’emergenza sanitaria ha accelerato il passaggio intensivo del servizio nell’area dell’informatizzazione. Nell’impossibilità di scambi e condivisioni immediate e in presenza, il Farfabruco ha potenziato i canali digitali per mantenere vive e quotidiane le relazioni con i genitori. Una scelta necessaria e funzionale che ha sollecitato l’attivazione di nuove modalità creative tra le educatrici e le famiglie che, pur prevedendo forme di interazione a distanza, mantengono vitale il livello di collaborazione e l’alleanza che imprescindibilmente vanno sostenute e coltivate tra equipe educativa e genitori.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!