Workshop per realizzare burattini per stop motion

23 Febbraio 2017

TRIESTE. Il Premio Internazionale per la Sceneggiatura Mattador dedicato a Matteo Caenazzo continua ad ampliare la sua proposta formativa e presenta il laboratorio didattico SULLE ORME DI TIM BURTON – BURATTINI PER STOP MOTION a cura di Stefano Bessoni, che si svolgerà il 24, 25, 26 febbraio alla Stazione Rogers di Trieste. Il workshop, organizzato dall’Associazione Culturale Mattador, in collaborazione con Trieste Science+Fiction Festival e A.C. Stazione E.N. Rogers, consiste in un “primo livello di puppet making sulla fabbricazione con tecnica diretta dei burattini per stop-motion in unico esemplare”. Il programma spazia dallo studio dei materiali all’analisi delle tecniche di fabbricazione, fino alla realizzazione di scheletri e burattini e l’approccio a software di animazione come Dragonframe.

Come spiega Stefano Bessoni in “Stop-motion. La fabbrica delle meraviglie”, Logos edizioni 2014, “(…) la stop-motion è la parte nascosta dell’animazione, quella più misteriosa, oscura, perturbante (…) ma se si perde quella ritrosia ingiustificata (…) si potrà scoprire un mondo meraviglioso, forse un po’ sinistro, ma sicuramente affascinante e coinvolgente”. Tutor d’eccellenza nell’ambito dell’animazione stop motion, Stefano Bessoni è regista, illustratore e autore di storie popolate da personaggi fantastici, che da pregiate illustrazioni trovano la loro trasposizione tridimensionale in mirabili marionette, protagoniste di lavori come Krokodyle (2011), Imago mortis (2009) e Frammenti di scienze inesatte (2005). Componente della Giuria 2016 del Premio Mattador, Bessoni insegna illustrazione e animazione stop-motion in Italia e in Spagna e tiene workshop in Italia e all’estero.

Nel frattempo è ancora possibile partecipare all’8° Bando del Premio Internazionale per la Sceneggiatura MATTADOR rivolto a giovani sceneggiatori dai 16 ai 30 anni. Il termine per l’invio dei lavori è il 15 aprile. La Premiazione avverrà il 17 luglio a Venezia nelle Sale Apollinee del Teatro La Fenice.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!