Visto il successo, ritorna da domani CinemazeroKids

18 Ottobre 2019

Le Aquile

PORDENONE. Dopo il grande successo del primo anno che ha visto più di 6.000 presenze per 50 proiezioni, riparte, sabato 19 ottobre, il progetto del Nuovo Cinema Don Bosco, che da ottobre ad aprile ospiterà la rassegna CinemazeroKids, dedicata a giovani e famiglie. Il progetto, al suo secondo anno di attività, è un’idea innovativa nata dalla collaborazione tra Well Fare Pordenone, il Servizio di Integrazione Lavorativa dell’Azienda per l’Assistenza Sanitaria n. 5, Cinemazero e diversi partner del territorio, tra cui il Comune di Pordenone e Fondazione Friuli che ha finanziato l’ammodernamento tecnologico della sala.

Per l’occasione sabato 19 ottobre ci sarà un doppio speciale appuntamento in Viale Grigoletti 3: alle 16 e alle 21 sarà proiettato il film Aquile Randagie, la storia degli scout che si ribellarono al fascismo. La proiezione della sera sarà preceduta dai saluti delle autorità e dalla presentazione del film da parte di Fabrizio Coccetti, Capo Scout d’Italia Agesci.

Fabrizio Coccetti

Il film di Gianni Aureli racconta una storia cara a tutto l’associazionismo scoutistico, che si interseca con la Storia del nostro Paese, che però in pochi conoscono. Infatti, alcuni anni dopo la presa del potere da parte del fascismo Benito Mussolini decide di chiudere tutte le associazioni che si distinguono rispetto a quelle ufficiali del regime. L’associazione degli scout italiani cattolici rientra tra queste. Un gruppo di loro che opera a Milano decide di non piegarsi al diktat: si chiameranno Aquile Randagie, continueranno a riunirsi in Val Codera, una valle secondaria della Valchiavenna e a distinguersi, nella misura del possibile, dal fascismo dominante.

Domenica 20 ottobre alle 16 continueranno poi le proiezioni per le famiglie al Nuovo Cinema Don Bosco con Il Re Leone, la nuova opera in live action della Disney.

Ricordiamo che la gestione della sala è affidata a 20 volontari che, con il coordinamento del Sil e di Well Fare Pordenone, partecipano a un progetto di inclusione sociale per persone con vulnerabilità. L’obiettivo è cambiare i connotati della definizione di disabilità e fornire competenze alle persone che lavorano nel Nuovo Cinema Don Bosco, oltre che creare un nuovo spazio di aggregazione che è soprattutto rivolto ai più piccoli e alle loro famiglie. L’offerta culturale verrà arricchita da rassegne per le scuole e proiezioni speciali, al fine di rendere la sala cinematografica, la più grande della città con 352 posti, al servizio delle iniziative della comunità pordenonese.

Per info e dettagli: T 0434 1700251 @ segreteria@fondazionewf.pordenone.it
www.fondazionewf.pordenone.it

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!