Visita di studio a Resia

21 Maggio 2019

UDINE. Organizzata dalla Sezione Carnica della Società friulana di archeologia, è prevista per mercoledì 22 maggio l’escursione Alla scoperta della Val Resia.

Questo il programma: Ore 8,30, ritrovo e partenza da Udine, piazzale Paolo Diacono; ore 10, arrivo a Prato di Resia e presso il Centro Culturale – Ta rozajanska kultürska hiša incontro con Sandro Quaglia (presidente del Circolo Culturale Resiano “Rozajanski Dum” e conservatore museale) che accompagnerà i partecipanti alla scoperta della Val Resia; ore 10.15, all’interno del Centro Culturale, dopo una breve introduzione delle caratteristiche culturali della vallata si potrà ascoltare la caratteristica musica resiana; ore 11.15, Centro visite del Parco Naturale delle Prealpi Giulie, area protetta di interesse regionale istituita nel 1996; ore 12, visita alla chiesa-pieve-santuario di Santa Maria Assunta. Al suo interno conserva vari elementi artistici tra i quali una statua lignea della Beata Vergine, opera di G. Martini del 1535; ore 12.30 (se il tempo lo permetterà), breve passeggiata sul colle del Calvario e visita alla chiesa del Ss. Crocifisso. Questa chiesa conserva al suo interno un crocifisso che risale all’epoca della presenza dei benedettini in valle; ore 13, a San Giorgio di Resia, pranzo presso l’antica trattoria “Alla Speranza” con piatti tipici della cucina Resiana.

Ore 15, visita al paese di Stolvizza che conserva in parte, anche dopo i disastrosi terremoti del 1976, l’architettura tradizionale della vallata. Visita del Museo della gente della Val Resia. Nel museo, che propone mostre etnografiche, si trova anche la sezione dedicata al patrimonio orale. In questo museo è possibile approfondire la conoscenza del resiano. Visita del Museo dell’arrotino. In paese vi è la possibilità di acquistare, presso il negozietto di alimentari – Ta stara butëa, i prodotti tipici della vallata come le prelibate trasformazioni realizzate con l’aglio di Resia (Presidio Slow Food) e le erbe officinali per tisane; ore 17 rientro a Udine.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!