Un’Italia federalista? Un libro e un dibattito a Ronchi

8 Febbraio 2022

Carlo Bartoli

RONCHI DEI LEGIONARI. Continuano le attività culturali di Leali delle Notizie a Ronchi dei Legionari. Dopo il successo dell’incontro con Paolo Berizzi, l’associazione accoglierà questo venerdì 11 febbraio la presentazione del libro Cattaneo o Bonaparte? Una proposta federalista mancata di Alessandra Guerra, Presidente del Friuli Venezia Giulia tra il 1994 e il 1995. L’appuntamento si terrà alle 20.30 nella Sala del Consorzio di Bonifica della Venezia Giulia e chiuderà la rassegna “Appuntamento con la Politica”.

Nel suo libro, pubblicato l’anno scorso dalla casa editrice Bonanno, Alessandra Guerra si interroga sul perché l’Italia non sia diventata uno stato federale. L’autrice si chiede se ci sia stato un dibattito talmente avvincente da riuscire a coinvolgere tutti gli schieramenti politici presenti nel Parlamento e se siano davvero state accolte tutte le proposte anche quelle di chi governa i territori più periferici dell’Italia. L’idea di un’Italia federale è nata ancora nel lontano XIX secolo e si è continuato a discuterne anche tra il XX e XXI secolo con da un lato l’idea di federalismo di Bossi e dall’altro lato l’idea di presidenzialismo di Fini. Secondo l’autrice, queste due rivoluzioni costituzionali avrebbero forse reso il nostro Paese uno Stato laico e progressista e avrebbero costretto la politica italiana a bipolarizzarsi davvero. Il populismo sarebbe stato sconfitto e la Sinistra forse sarebbe riuscita ad assorbire il modello americano di partito democratico.

Da sinistra Degano, Berizzi e Perrino

L’incontro con l’autrice verrà moderato da Carlo Bartoli, Presidente Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti. Sarà necessario prenotarsi su Eventbrite entro e non oltre il giorno precedente all’incontro al seguente link: https://bit.ly/3tZe9TY.

La rassegna “Appuntamento con la politica” è stata organizzata da Leali delle Notizie, con il contributo della Carigo e con il sostegno e la collaborazione del Comune di Ronchi dei Legionari e del Consorzio di Bonifica della Venezia Giulia.

Condividi questo articolo!