Una trentina di artisti alla mostra che ricorda Hazel Cole

31 Ottobre 2020

Hazel Marie Cole

TRIESTE. Lunedì 2 novembre dalle 17 si apre alla Sala Xenia (ex Sala Giubileo, Riva 3 Novembre, 9) della Comunità Greco-Orientale di Trieste la 21^ edizione della mostra ’La bellezza per la bontà, l’arte aiuta la vita’, organizzata a favore del Premio alla Bontà Hazel Marie Cole onlus, istituito da Aldo e Donatella Pianciamore, che sarà introdotta dalla presidente Etta Carignani e dalla curatrice Marianna Accerboni. Alla rassegna, visitabile fino al 15 novembre e accompagnata da un esaustivo catalogo, prendono parte 26 artisti tra pittori triestini, di altre città italiane e stranieri. L’esposizione è a ingresso libero e si svolgerà nel rispetto della normativa Covid-19 (orario 10 – 17/ info 335 6750946). Successivamente la presentazione sarà disponibile sul sito del Premio (www.premiobonta.it).

Espongono Alda Baglioni, Paolo Barducci, Donatella Bartoli, Nadia Bencic, Diana Bosnjak Monai, Valerie Bregaint, Alessandro Calligaris, Giorgio Cappel, Luisia Comelli, Nora Carella, Elsa Delise, Fulvio Dot, Carla Fiocchi, Carolina Franza, Holly Furlanis, Nadia Moncheri, François Piers, Marta Potenzieri Reale, Svyatoslav Ryabkin, Carlo Sini, Giancarlo Stacul, Erika Stocker Micheli, Valentina Verani, Mery Zanolla, Livio Zoppolato, Serena Zors.

Bontà e bellezza – scrive Accerboni – s’intrecciano in questa iniziativa, che premia la generosità e l’altruismo nel ricordo di Hazel Marie Cole, straordinaria figura di mecenate inglese, la quale fece di tali doti il proprio stile di vita. Al di là del precipuo fine benefico, la rassegna ha il pregio di riassumere attraverso una serie di opere realizzate secondo tecniche diverse (dalla pittura a olio all’acrilico, alla tecnica mista, alla tempera, dall’acquarello all’incisione, all’assemblage combine painting) un panorama attraente e variegato del lessico artistico contemporaneo a Trieste, in Italia e all’estero.

La Onlus è un’iniziativa spontanea nata per istituzionalizzare e non interrompere gli atti di bontà che Hazel Marie Cole elargiva in tutta autonomia nel corso della sua vita. Ingegnere aeronautico, nata a Southampton (Inghilterra), ha operato principalmente in Gran Bretagna, Usa, Canada e in Italia (Milano, Roma e Trieste). L’attività del Premio alla Bontà Hazel Marie Cole si svolge su tre linee d’intervento: la prima premia atti di bontà compiuti da ragazzi della scuola primaria e secondaria di primo grado, la seconda concede aiuti economici (pocket money) ai ragazzi provenienti da paesi poveri, vincitori della borsa di studio per il Collegio del Mondo Unito di Duino, la terza, dispone riconoscimenti economici a chi aiuta persone non autosufficienti. Finora sono stati assegnati 392 premi afferenti alle tre linee su tutto il territorio nazionale.

Condividi questo articolo!