Una serie di documentari animerà il Sociale di Gemona

1 Aprile 2022

Sul sentiero blu

GEMONA. Al Cinema Sociale di Gemona aprile inizia all’insegna del documentario, entrato ormai di diritto nella programmazione delle sale cinematografiche, capace di interessare, intrattenere ed emozionare quanto e a volte più della fiction, come nel caso di Sul sentiero blu di Gabriele Vacis, proposto dalla Cineteca del Friuli sabato 2 aprile alle 19.30 in occasione della Giornata Mondiale per la Consapevolezza sull’autismo (blu è il colore scelto dalle Nazioni Unite per identificare l’autismo).

La più ardua delle imprese per le persone affette da questa sindrome è lasciare la propria casa, le proprie sicurezze e abitudini. Sul sentiero blu è un “road movie” girato al seguito un gruppo di giovani autistici che, con il supporto di un team di medici ed educatori, affrontano questa sfida intraprendendo un viaggio di nove giorni e duecento chilometri sulla via Francigena, fino a Roma: un cammino fisico che diventa cammino di crescita, grazie anche all’ausilio di specifiche tecniche riabilitative. Superando ogni pregiudizio sull’autismo e focalizzandosi sull’esperienza e sulle emozioni delle persone coinvolte, il film è una storia di speranza e di rivincita che invita ad affrontare le difficoltà, di qualunque tipo esse siano, e a riscoprire la bellezza della semplicità e del quotidiano. Sul sentiero blu è in programma anche domenica 3 aprile e domenica 10 aprile alle 19.15.

Martin Luther King vs Fbi

Lunedì 4 aprile, anniversario dell’assassinio a Memphis, nel 1968, del premio Nobel per la pace Martin Luther King Jr., sarà proiettato alle 18.45 Martin Luther King vs Fbi di Samuel D. Pollard, “un film esplosivo” secondo Variety e per Vanity Fair “uno dei film più urgenti e necessari dell’anno”. I documenti da poco desecretati hanno rivelato che il pastore leader del movimento dei diritti civili per gli afroamericani era sorvegliato dal Bureau alla stregua di un pericoloso sobillatore. Il film, che ha il patrocinio di Amnesty International, ripercorre gli avvenimenti in questa chiave con un brillante montaggio di immagini di repertorio che tiene alto il ritmo e il livello di tensione. Al Sociale lo si potrà vedere anche martedì 5 aprile e venerdì 8 aprile.

In occasione del centenario della nascita, ogni mese la Cineteca propone al Cinema Sociale un titolo dedicato a Pier Paolo Pasolini. Dopo Il giovane corsaro di Emilio Marrese, presentato a marzo, giovedì 7 e sabato 16 aprile sarà la volta di In un futuro aprile di Francesco Costabile e Federico Savonitto, sugli anni giovanili di Pasolini, in particolare quelli trascorsi a Casarsa. A ripercorrerli, nella sua ultima testimonianza pubblica, senza retorica nostalgica ma con la capacità di riproporne la pregnanza vitale, è lo scrittore Nico Naldini, cugino di Pasolini, che con lui condivise esperienze e passioni che avrebbero segnato l’opera di entrambi.

Dopo l’anteprima al Bif&st di Bari il 26 marzo e la presentazione al Bergamo Film Meeting il 29 marzo, arriverà in sala solo per tre giorni, l’11, il 12 e il 13 aprile, l’evento speciale Bella Ciao – Per la libertà di Giulia Giapponesi, sulla genesi e la storia di questo inno che da canzone partigiana è diventato canzone di lotta delle nuove generazioni di tutto il mondo – oltre che hit dei più famosi artisti internazionali – riapparendo con rinnovata forza ovunque si combatta contro l’ingiustizia e per la libertà.

Condividi questo articolo!