Un piccolo capolavoro (poco eseguito) di Antonio Salieri

24 Luglio 2016

UDINE. Martedì prossimo 26 luglio alle 21 il Conservatorio Tomadini di Udine suggellerà un significativo rapporto di collaborazione con la Fondazione Filippo Renati di Udine proponendo, nella sede della fondazione, un altrettanto rilevante, innovativo e inusuale progetto musicale, l’allestimento del Divertimento teatrale Prima la musica e poi le parole di Antonio Salieri. La prestigiosa scuola di canto del prof. Domenico Balzani sarà impegnata, per la regia del soprano Vittoria Lai, acclamata voce del contemporaneo panorama teatrale e didatta attualmente assistente del prof. Balzani, nella restituzione moderna di un piccolo capolavoro di raro ascolto concepito su libretto di Giovanni Battista Casti dal compositore veneto Antonio Salieri, maestro di cappella della corte viennese.

La prima esecuzione di Prima la musica e poi le parole si tenne il 7 febbraio 1786 al castello di Schönbrunn in occasione di un ricevimento, alla corte di Giuseppe II, di Maria Cristina d’Asburgo e del marito, il principe polacco Stanislao Poniatowsky; all’esecuzione dell’opera giocosa italiana di Salieri seguì un Singspiel parimenti dedicato alla parodia del mondo dell’opera, Der Schauspieldirektor di Wolfgang Amadeus Mozart.

Protagonisti dell’allestimento udinese di martedì prossimo saranno il basso Massimiliano Svab nel ruolo del Compositore, il baritono Valentino Pase nel ruolo dei Poeta, i soprani Laura Ulloa e Lidija Fridman nel ruolo di Eleonora e infine i soprani Silvia Bassi e Delia Stabile nel ruolo di Tonina; al pianoforte Caterina De Biaggio, regia di Vittoria Lai, assistente alla regia Elena Marcelli. La produzione operistica è inserita nel cartellone estivo “Concerti e Conferenze” del Conservatorio di Udine, realizzato con il contributo di Regione e Fondazione CRUP.

Condividi questo articolo!