Un libro svela gli aspetti più sconosciuti dei Balcani

8 Ottobre 2019

Alessandra Repossi e Francesca Cosi

GORIZIA. “Dove iniziano i Balcani” di Alessandra Repossi e Francesca Cosi è il prossimo volume che verrà presentato, insieme alla giornalista Lilli Goriup, giovedì 10 ottobre nella Sala Apt di Gorizia, nell’ambito della rassegna Il libro delle 18.03. Il titolo è anche una risposta a un’eterna domanda, dato che non c’è accordo sull’ubicazione esatta di un territorio condiviso da vari paesi della ex Jugoslavia e oltre. In realtà le due autrici risolvono tutta una serie di quesiti, chiarendo ad esempio perché gli alberghi socialisti sono brutti fuori e belli dentro, o spiegando come si possa compiere un genocidio quasi indisturbati oppure ancora come mai i Balcani siano dotati di tante spiagge per nudisti.

Sono i punti di vista di due giornaliste, traduttrici e viaggiatrici che raccontano un Est non sempre noto, tra curiosità e voglia di superare pregiudizi e confini. Appena oltre la frontiera ci sono persone e terre dalle tinte forti, già orientali ma europee, oscillanti tra le sirene della modernità e quelle della tradizione. “Dove iniziano i Balcani” è anche un libro di viaggio tra Slovenia, Croazia, Serbia, Bosnia-Erzegovina e Montenegro, alla scoperta di città, villaggi, vallate, parchi naturali, grotte, ex campi di rieducazione e rifugi titini.

Francesca Cosi e Alessandra Repossi sono delle autrici prolifiche. Collaborano con diverse case editrici, tra cui Einaudi, Bur, Feltrinelli, Mondadori, Neri Pozza, Mattioli e il Saggiatore. Hanno tradotto oltre 110 libri in inglese, spagnolo e francese, vari articoli per testate giornalistiche tra cui Focus e Cosmopolitan e, dal 2005, dirigono un loro studio editoriale.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!