Un libro sugli anni d’oro di Grado, ricordando Aldo Venier

29 Luglio 2020

GRADO. Diversi appuntamenti a Grado per presentare il libro “Gli anni d’oro dell’Isola. I protagonisti della vita culturale di Grado (1967 – 1972)” a cura di Cristina Gordini, edito da Nuove Edizioni della Laguna, incentrato sugli avvenimenti culturali gradesi di fine anni ’60 ad opera dell’allora segretario comunale Aldo Venier in collaborazione con gli artisti Giuseppe Zigaina e Pier Paolo Pasolini.

Gli incontri si svolgeranno: Venerdì 31 alle 11 conferenza stampa alla terrazza comunale del Comune di Grado (Piazza Biagio Marin, 4) -Prenotazione obbligatoria (mail: lasignoradellefiabe@gmail.com); giovedì 6/8 -alle 18 al Velarium Git (interno spiaggia Git – Grado); Martedì 11/8 – alle 17 all’Hotel Marea (Via dei Provveditori, 6 – Grado) – Prenotazione obbligatoria (mail: lasignoradellefiabe@gmail.com); Venerdì 21/8 – alle 18 nel Velarium Git (interno spiaggia Git – Grado).

L’ingresso è gratuito e il ricavato dalla vendita del testo sarà totalmente destinato alla ricerca sul cancro. Inoltre, durante gli incontri verrà presentata la prima edizione del concorso letterario Aldo Venier.

COME E’ NATO IL LIBRO
L’idea del testo Gli anni d’oro dell’isola – I protagonisti della vita culturale di Grado (1967 – 1972) è nata in una calda sera di luglio sul lungomare di Grado dove, all’interno del calendario di incontri in occasione del cinquantenario delle riprese gradesi del film Medea di Pier Paolo Pasolini, si è svolto un evento dedicato all’allora segretario comunale: l’infaticabile e ispirato Aldo Venier. I ricordi della figlia Luisa e di altre persone che hanno vissuto quegli anni luminosi sono ora impressi sulla carta, orchestrati con uno stile asciutto in una narrazione che, ripercorrendo i momenti salienti dell’intensa vita culturale del periodo 1967-72 (come il concorso di Pittura Estemporanea, le riprese di Medea, le Settimane Internazionali del Cinema), esplora i rapporti umani tra Aldo Venier e gli artisti Giuseppe Zigaina, Pier Paolo Pasolini e Maria Callas.

Il testo è impreziosito da inedite foto tratte dall’archivio Venier: dalle cartoline autografate delle dive del cinema Francesca Bertini e Alida Valli ai ricordi più personali di momenti conviviali. Il lavoro di ricerca, tra archivi e testimoni in carne ed ossa, svolto dall’autrice, rappresenta, inoltre, un nuovo e duplice punto di partenza: da un lato, il testo mira a far scaturire, come in un’azione di public history dal basso, il risveglio di ricordi assopiti al fine di creare una memoria condivisa da trasmettere anche alle generazioni più giovani; dall’altro, vuole suscitare curiosità nel lettore fornendogli una serie di spunti per approfondimenti sui diversi temi che il testo tocca, come la storia del cinema, figure straordinarie come Pasolini e la Callas o l’esigenza di un turismo culturale e sostenibile.

Il testo è pubblicato dalla casa editrice Nuove Edizioni della Laguna di Francesco Degrassi con il contributo del Comune di Grado. Il ricavato della vendita sarà destinato alla ricerca sul cancro. Inoltre, l’uscita del libro è associata alla nascita del premio letterario Aldo Venier, concorso che punta a diventare un appuntamento fisso di incontro, approfondimento e divulgazione culturale a cura dell’Associazione La Signora delle Fiabe.

L’AUTRICE
Cristina Gordini è esperta in comunicazione ed educazione ai media con specializzazione universitaria nel campo degli eventi culturali e delle pratiche curatoriali.

Condividi questo articolo!