Un Gioco dell’oca rivisitato e gli auguri ai cestisti dell’Apu

12 Settembre 2020

Stelutis di Udin

UDINE. Un gioco dell’oca “rivisitato”, sotto la Loggia del Lionello. È la proposta del Gruppo Folcloristico “Stelutis di Udin” (presieduto da Elena Sione), in collaborazione con il Comune, pensato e realizzato in esclusiva e in anteprima per Friuli Doc 2020 allo scopo di promuovere il folclore e le tradizioni friulane in modo alternativo, in un momento dove il distanziamento interpersonale è la regola (che verrà rispettata), e per creare uno spazio per l’allegria e il buonumore seguendo tutte le precauzioni del caso. L’appuntamento, dunque, è fissato per le 16 di domenica 13, con “Stelutis in zûc”, un gioco coinvolgente e divertente, arricchito con tante curiosità, notizie, momenti musicali e intermezzi vari.

Il gioco, che coinvolgerà il pubblico presente, si svolgerà utilizzando la pavimentazione della Loggia del Lionello come superficie sulla quale verranno appoggiate le caselle numerate del percorso. Si tratta, come detto, di un gioco dell’oca “rivisitato” e strutturato proprio per promuovere le tradizioni friulane (delle quali, oramai, Friuli Doc è parte) in modo alternativo rispetto a un classico spettacolo di danza o canto, repertorio classico delle “Stelutis di Udin”. I partecipanti che raggiungeranno in tempo il traguardo, riceveranno una gradita sorpresa.

Apu Old Wild West Udine

Con gli auguri più calorosi della città, per l’occasione rappresentata dagli assessori Maurizio Franz e Antonio Falcone, e di tutto il popolo di Friuli Doc, è stata accolta la compagine (staff e giocatori) dell’Apu Old Wild West Udine che si è presentata oggi in piazza Libertà. All’appuntamento, non hanno voluto mancare l’assessore regionale alle Infrastrutture e Territorio Graziano Pizzimenti, Giorgio Brandolin, presidente del Coni Fvg e Claudio Bardini, presidente della Fit Udine e presidente regionale del Comitato nazionale allenatori.

Gli onori di casa sono stati fatti dal presidente del club bianconero, Alessandro Pedone, alla presenza dello staff dirigenziale capitanato dal direttore tecnico dell’Area sportiva, Alberto Martelossi e dello staff tecnico guidato dall’esperto Matteo Boniciolli, che accompagnavano tutti i giocatori (“della squadra più alta d’Italia in A2, con 1,98 m di altezza media”, ha sottolineato Pedone) che tra poche settimane difenderanno i colori bianconeri sul parquet del Palasport Carnera. L’importante realtà cestistica cittadina, tra poco più di due mesi comincerà la sua quinta avventura consecutiva nel campionato italiano di basket di Serie A2. Appassionati e curiosi, accorsi numerosi all’evento, hanno così avuto l’opportunità di ammirare dal vivo i loro beniamini della pallacanestro che portano e, si spera, porteranno ulteriormente in alto i colori del territorio.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!