Un giallo di Agatha Christie in scena a Palmanova e Udine

13 Dicembre 2016

PALMANOVA. Scritto nel 1936 e pubblicato nel 1939, E non rimase nessuno è considerato il capolavoro di Agatha Christie: una struttura perfetta, capace di tenere il lettore inchiodato al libro fino all’ultima pagina. L’adattamento teatrale ha preso il nome di Dieci piccoli indiani… e non rimase nessuno! Lo spettacolo, diretto da Ricard Reguant, andrà in scena mercoledì 14 dicembre al Teatro Modena di Palmanova (ore 20.45) per il circuito ERT e da venerdì 16 a domenica 18 al Teatro Nuovo Giovanni da Udine (venerdì e sabato alle 20.45, domenica alle 17). Sul palco, per la produzione firmata da Gianluca Ramazzotti, saliranno Giulia Morgani, Pierluigi Corallo, Caterina Misasi, Pietro Bontempo, Leonardo Sbragia, Mattia Sbragia, Ivana Monti, Luciano Virgilio, Alarico Salaroli e Carlo Simoni.

Ritornando alla genesi di questa edizione teatrale, bisogna ricordare che nel 1943 la Christie adattò ella stessa il romanzo per il palcoscenico; lo spettacolo rimase in cartellone a Broadway per 426 repliche. L’opera teatrale differiva dal romanzo nel finale perché l’autrice volle risparmiare agli spettatori un finale drammatico proprio durante gli anni del secondo conflitto mondiale; decise, quindi, di sostituirlo con un lieto fine. Il risultato fu un lavoro forse un po’ deludente e frettolosamente pasticciato. Oggi, per la prima volta e in accordo con la Aghata Christie Limited, il finale dello spettacolo sarà quello del giallo. La versione in scena nei nostri teatri è firmata dal regista spagnolo Ricard Reguant ed ha ottenuto un enorme successo sia a Madrid la scorsa stagione sia a Barcellona.

La vicenda ha luogo nel 1939, con l’Europa alle soglie della guerra. Dieci sconosciuti per vari motivi sono stati invitati su una bellissima isola deserta. Arrivati nelle camere, trovano affissa allo specchio una poesia, Dieci piccoli indiani. La filastrocca racconta di come muoiono, uno dopo l’altro, tutti i dieci indiani. Una serie di morti misteriose infonde il terrore negli ospiti che presto giungono a una scioccante conclusione: l’assassino è uno di loro.

E non rimase nessuno è forse il romanzo più cupo della scrittrice inglese, probabilmente a causa degli echi della guerra che di lì a poco sarebbe scoppiata. Grazie a questa cupezza, però, la scrittrice riesce a dare sfogo ad una vicenda piena di intrigo e suspense che trova il suo apice in un finale tra i più elettrizzanti e spiazzanti mai scritti. L’uso della filastrocca infantile ribadisce il clima angosciante che pervade tutto il romanzo manifestandosi tra i due poli contraddittori della colpa e dell’innocenza.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!