Un geologo (Mario Tozzi), un musicista (Enzo Favata) e la storia del Mediterraneo

12 Luglio 2021

Mario Tozzi ed Enzo Favata (Foto Giulio Capobianco)

GRADO. Una coppia originale, un geologo e un musicista, insieme sul palco per raccontare il Mediterraneo: Mario Tozzi ed Enzo Favata saranno gli ospiti del secondo appuntamento di OndeMediterranee, concept festival che compie 25 anni, ideato da Euritmica, i cui strumenti di interazione e condivisione sono sempre stati i linguaggi della musica, della letteratura e del pensiero multiculturale. L’appuntamento mercoledì 14 luglio alle 21.30 al Parco Arena delle Rose a Grado, dunque, con “Mediterraneo – Le radici di un mito”, per la narrazione di Mario Tozzi e con le musiche dal vivo di Enzo Favata, ai sassofoni, clarinetti, elettronica. Lo spettacolo sarà introdotto dal filosofo Fabio Turchini, curatore della sezione Lettere Mediterranee, che dialogherà con Mario Tozzi.

Ingresso con prenotazione del posto numerato (2 euro) al numero +39 04321720214 o via mail a tickets@euritmica.it; la sera del concerto anche alla biglietteria del Parco delle Rose, aperta dalle 19 (accesso da Viale Dante Alighieri).

Uno scienziato della terra e un musicista che della musica della sua terra sarda ha fatto un’inconfondibile cifra stilistica: Mario Tozzi, il geologo noto al grande pubblico per le sue trasmissioni televisive su Rai 3, ed Enzo Favata, sassofonista jazz apprezzato sulla scena internazionale, insieme raccontano il Mediterraneo attraverso il particolare punto di vista della geologia, scienza tanto affascinante quanto trascurata, e la tutela dell’ambiente, con interventi musicali al confine tra passato e futuro.

Da questo incontro scaturisce un affresco inedito del mito di Atlantide, un film senza immagini raccontato con le parole e i suoni, nel quale prendono forma paesaggi arcaici, miti dimenticati e ricerca scientifica, rivelando allo spettatore una geografia antica, sepolta nella stratificazione delle ere geologiche e preistoriche. Dal palco, Mario Tozzi proporrà alcuni temi legati all’ecologia alla luce delle nuove scoperte ed Enzo Favata presenterà, attraverso i suoi strumenti, alcuni brani improvvisati che si rifanno a quella tradizione folklorica che include elementi jazzistici e di tradizioni musicali di molte parti del mondo. Il Mediterraneo prenderà così forma attraverso parole e musica, in uno spettacolo collaudato ormai da cinque anni ma che non smette mai di stupire il pubblico per la sua capacità di adattarsi e improvvisare.

Il cartellone prosegue il 27 luglio (ore 21.30) all’Arena Parco delle Rose di Grado con il concerto della cantante israeliana e star internazionale Noa; biglietti online su TicketOne e Vivaticket – info: www.euritmica.it

Condividi questo articolo!