Un forum per sostenere i giovani musicisti in carriera

9 Maggio 2016

SACILE. Appuntamento internazionale di scambio di buone prassi, idee e opportunità per giovani musicisti in carriera martedì 10 maggio a Sacile, nel programma degli eventi correlati al Concorso piano|fvg. Nel pomeriggio infatti (dalle 16 alle 19) sarà presentata a Palazzo Ragazzoni la seconda edizione del CEI Piano Forum, convegno promosso grazie al supporto di CEI-InCE Iniziativa Centroeuropea, nell’ambito della partenership accordata dall’Ente alla manifestazione, che comprenderà anche l’assegnazione di uno dei Premi Speciali al miglior concorrente in gara proveniente dai Paesi Membri CEI.

L’idea progettuale sviluppata insieme alla CEI, organismo intergovernativo che favorisce contatti, scambi e sviluppo tra i Paesi dell’area Centroeuropea, dai Balcani al Baltico, anche oltre i confini dell’Ue, si basa infatti sull’opportunità di presentare un panel di esperti a disposizione di una generazione di giovani pianisti provenienti da tutto il mondo e in particolare proprio da questo territorio specifico (sono infatti rappresentate nel Concorso nazioni CEI come Austria, Bosnia Erzegovina, Croazia, Italia, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ucraina, Ungheria), per favorire un fecondo confronto e scambio di informazioni utili ad indirizzare le future carriere musicali. L’esperienza e gli approfondimenti verteranno su tematiche specifiche relative a come affrontare al meglio il variegato mondo dei Concorsi musicali, la scelta di sedi o Accademie dove potersi perfezionare con le migliori relazioni su scambi e mobilità in Europa, il training più adatto per formare la personalità di un interprete, non solo dal punto di vista tecnico o virtuosistico, ma anche sul piano della crescita culturale, della promozione personale e della perseveranza nel raggiungere i propri obiettivi.

Questi argomenti saranno sviluppati da alcuni degli autorevoli Maestri membri della Giuria di piano|fvg, come Roberto Turrin, direttore del Conservatorio di Trieste, istituto da sempre aperto all’Est europeo ed oggi leader nella mobilità degli studenti anche grazie ai fondi comunitari, ed ancora Carles Lama, docente e pianista spagnolo, direttore artistico di numerosi festival e promotore dell’etichetta discografica KNS Classical dedicata proprio al catalogo dei giovani musicisti più promettenti. Saranno inoltre presenti a Sacile Johannes Kropfitsch, concertista e direttore del Dipartimento degli strumenti a tastiera del Conservatorio della Città di Vienna, e Luca Rasca, pianista e docente tra l’altro al Conservatorio di Udine, oltre che giornalista della rivista “Suonare News” proprio nella rubrica dedicata ai Concorsi. Rasca fu inoltre tra i primi vincitori del Concorso nel 1999, quando la manifestazione si teneva a Pordenone sotto il nome di Luciano Gante.

Infine il convegno darà anche l’opportunità di far conoscere ai Maestri e ai concorrenti presenti il lascito musicale dal pianista e compositore sacilese Giuseppe Molinari, di cui ricorre nel 2016 il decennale dalla prematura scomparsa, del quale gli amici dell’Associazione “Compagnia dell’Anello”, rappresentati da Arnaldo De Vito, presenteranno e consegneranno le opere per incoraggiarne la diffusione e l’esecuzione proprio attraverso i più giovani talenti, aperti alla scoperta di un nuovo repertorio. Al termine del pomeriggio, che è aperto anche alla partecipazione del pubblico, con ingresso libero, la Presidente della Giuria Dubravka Tomšič Srebotnjak traccerà una valutazione della prima prova del Concorso e annuncerà i candidati ammessi alla seconda prova. Per gli allievi delle Accademie musicali o dei Conservatori che vorranno partecipare ai lavori, sarà a disposizione un attestato di frequenza con valore di credito formativo.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!