Un fiume di note dilagherà per tutta la regione

7 Giugno 2021

Dek ill Ceesa

POLCENIGO. Le note del M° Diego Cal direttore dell’Orchestra Tiepolo Brass Orchestra hanno risuonato il 2 giugno nella piazza del Plebiscito di Polcenigo per omaggiare la festa della Repubblica e dare il via ufficiale alla quarta edizione di “Un Fiume di Note”, la rassegna musicale itinerante “site specific” curata da Dory Deriu Frasson e Davide Fregona, realizzata con il Comune di Polcenigo sotto l’egida del Distretto Culturale del Friuli Venezia Giulia e di Piano Fvg grazie al sostegno della Regione e della Fondazione Friuli.

La manifestazione toccherà, nell’arco dell’estate, tutte e quattro le ex-province della regione, con produzioni originali appositamente studiate per gli splendidi scenari naturali che ospiteranno i suoi eventi. Un progetto culturale quest’anno fortemente vocato alla valorizzazione delle nuove generazioni, a cui si vuole dare spazio e offrire importanti occasioni di esibizione, affiancando affermati musicisti di grande esperienza a giovani talenti. Sono oltre 15 gli appuntamenti che vanno a comporre, fino a tutto settembre, la rassegna musicale, con incursioni ad Aquileia, Cividale, Gemona, Gorizia, Sacile, Trieste – grazie alla collaborazione con i rispettivi Comuni – oltra a Polcenigo che ha ospitato l’evento di apertura e sarà anche sede del successivo concerto, domenica 13 giugno alle 18, protagonista il “pianista fuori posto” – nome d’arte del padovano Paolo Zanarella – interprete di un nuovo concerto organizzato con Piano Fvg e Mazzini 47 nel segno dell’auspicio “Ripartire è l’unica speranza”.

Il pianista fuori posto

Sabato 26 giugno il festival si sposta a Cividale dove, alle 20, al Monastero di Santa Maria in Valle è in programma il concerto “Fly to the world, in collaborazione con il Comune di Cividale, per festeggiare il decennale dell’Iscrizione a Patrimonio Culturale Unesco. Il programma eseguito dalla Orchestra Tiepolo Brass, sempre sotto la guida del M° Diego Cal, farà fare un viaggio musicale intorno al mondo attraverso alcune famosissime melodie: un omaggio a tutto il patrimonio culturale del pianeta (Luca Del Ben, Emanuele Resini, Enrico Mattea alle trombe, Martina Petrafesa al corno, Andrea D’Incà e Giovanni Ziraldo ai tromboni, Enrico Toso al basso tuba e Michele De Conti alle percussioni). Domenica 11 luglio alle 18.30 si torna a Polcenigo, questa volta nella cornice del Chiostro di S. Giacomo per il concerto Follie d’Espagna, travolgenti musiche interpretate dal primo violino dei Solisti Veneti, M. Lucio Degani, con la giovane e promettente violinista Antonella Defrenza e Ferdinando Mussutto al pianoforte.

Roberto Fabbriciani (Foto Luisella Botteon)

Venerdì 16 luglio il programma di “Un Fiume di Note” si intreccia con la rassegna di musica, teatro e danza “Palchi nei Parchi” (ideata dal Servizio foreste e Corpo forestale regionale con la Fondazione Luigi Bon e il finanziamento della Regione) alle 20.15 in una delle location naturalistiche scelte quest’anno dalla manifestazione, il Parco Piuma nei pressi di Gorizia. In programma l’appuntamento con il film musicale prodotto da Piano Fvg “Goldberg Serpentine Love”, girato a Sacile e all’interno della fabbrica di pianoforti Fazioli. Prima della proiezione, il concerto del pianista Ferdinando Mussutto con la performance della danzatrice Martina Tavano. L’evento sarà riproposto sabato 31 luglio nello splendido scenario di Piazza Capitolo in collaborazione con il Comune di Aquileia.

Si torna a Polcenigo, Villa Zaro, sabato 24 luglio (alle 19) con la Nuova Orchestra “Ferruccio Busoni” diretta da Massimo Belli Mattias, con Antonio Glavinic, vincitore a soli 11 anni di prestigiosi concorsi nazionali di pianoforte. In programma musiche di W. A. Mozart e F. J. Haydn. Il concerto sarà replicato domenica 25 luglio a Trieste. Venerdì 30 luglio tocca a Gemona con lo spettacolo “Vai! VianDante” protagonista, in un’inedita perfomance particolarmente rivolta ai giovani, l’artista che ha portato il friulano dentro al mondo del rap: Andrea De Candido, meglio noto come Dek ill Ceesa, sarà affiancato dal violoncello di Andrea Musto e Massimo Favento, le percussioni di Elvis Fior la voce narrante di Cristina Bondei, la performance di danza di Martina Tavano con le luci di Federico Lentini. Una produzione ideata per l’occasione con il coordinamento di Cinzia Deriu.

Matteo Bevilacqua

Lo scenario selvaggio e incontaminato delle Sorgenti del Gorgazzo (Polcenigo) sarà la cornice ideale per la doppia replica, venerdì 6 agosto, (ore 17 e 18) del concerto del M° Roberto Fabbriciani “Canto dell’Acqua – Elegia al Gorgazzo”: un programma musicale di autori vari con l’esecuzione del brano scritto dal grande flautista per l’occasione. La pedemontana, e precisamente la località Mezzomonte, ospiterà domenica 8 agosto, in collaborazione con la Proloco di Polcenigo e il Fai giovani di Pordenone, l’Orchestra Tiepolo Brass che presenta la formazione Harmoniebrass quartet, con Roberto Del Ben e Luca Del Ben alle trombe, Filippo Tosolini al corno e Andrea D’Incà al trombone: un repertorio che spazia da Mascagni a Miller per arrivare a Piazzolla e i Beatles. Ancora la Tiepolo Brass con la formazione “I Trombettissimi”, sarà protagonista domenica 29 agosto alle 11.30 in piazza Plebiscito a Polcenigo. In scena sei giovani trombettisti emergenti, tutti studenti del Conservatorio C. Pollini di Padova in arrivo dal Friuli, Veneto, Piemonte e Sicilia, che annuncerà l’appuntamento dell’Antica Fiera dei Thèst, programmata ai primi di settembre.

Martina Tavano

“Un fiume di note” torna anche quest’anno al Mittelfest di Cividale e lo fa con il concerto in programma alle 18, sempre di domenica 29 agosto. Il pianista Matteo Bevilacqua e la danzatrice Martina Tavano omaggiano con un programma originale il compositore e musicista sacilese Giuseppe Molinari. Domenica 5 settembre ancora in piazza Plebiscito a Polcenigo l’Orchestra Tiepolo Brass terrà il concerto inaugurale dell’Antica Fiera dei Thèst (ore 10.30): una formazione al gran completo guidata dalla tromba di Diego Cal. Dopo il debutto a Mittelfest, atteso venerdì 10 settembre al Teatro Zancanaro il concerto-omaggio a Molinari. Con lo spettacolo “Parexigisi: ode a Giuseppe Molinari”, di e con Matteo Bevilacqua e Martina Tavano, sarà riproposto proprio a Sacile questo intenso ricordo e omaggio a un suo grande artista. Dall’estrema musica di Molinari, Matteo Bevilacqua arriva ai preludi di Claude Debussy, cimentandosi in un programma fatto di impressioni, sensazioni sfuggevoli, “intuizioni” che la mente e l’udito credono di afferrare e comprendere, ma che un istante dopo sono improvvisamente sparite…

Gran finale, per la quarta edizione della rassegna, a fine settembre con il concerto di Mia Marija Pecnik, realizzato in collaborazione con la Comunità degli Italiani di Abbazia. Classe 2000, la giovane e pluripremiata pianista croata ha già ricevuto più di settanta premi in concorsi internazionali tra Stati Uniti, Canada, Hong Kong, Finlandia, Germania, Italia, Austria, Ungheria, Spagna, Belgio, Polonia, Russia , Slovenia, Romania, Svizzera e Serbia.

Per tutti i concerti di “Un fiume di note” l’ingresso è libero con prenotazione obbligatoria ai numeri 0434 088775 e 392 329 3266, oppure inviando una mail: info@musicaefvg.it

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!