E’ udinese la prima finalista regionale di Miss Mondo

11 Settembre 2016

dscn8228TRIESTE. E’ udinese la prima finalista regionale del concorso di Miss Mondo Friuli Venezia Giulia. A sbaragliare il campo di 13 concorrenti è stata la diciottenne Syria Della Schiava, alta 1,72, occhi nocciola e capelli castani. E’ stata la suggestiva piazzetta di Portopiccolo a Sistiana Mare a far da cornice alla prima finale regionale, curata e gestita dall’agenzia friulana Mecforyou e presentata da Elisa Mattaloni e Matteo Coser. Miss Mondo Italia ha lo scopo di scegliere la rappresentante italiana alla Finale Mondiale di Miss World, il più antico e prestigioso concorso internazionale di bellezza e talento. Numerose le modelle che nel pomeriggio hanno partecipato a uno shooting fotografico, animando le piscine e la spiaggia di Portopiccolo e la sera hanno sfilato tra gli applausi del numeroso pubblico accorso in piazzetta. Le concorrenti hanno sfilato le ragazze con i tubini Rapax, con gli abiti eleganti e in costume da bagno.

dscn8212La splendida location non ha visto protagoniste solo le candidate al titolo, che hanno pure sfilato con le pellicce di Micaela Italian Charme e con i gioielli di Timeless, ma anche Elena Marchesan, cantante della The Groove Factory che ha incantato il pubblico e il gruppo di ballo danze orientali Bellyssimo Company, diretto da Simona Minisini del club Sunshine di Palmanova. A conclusione la giuria ha preferito su tutte la diciottenne udinese Syria Della Schiava incoronata da Alice Milzoni “Miss Mondo FVG 2016”.

La bellissima ragazza friulana, con la passione per la danza e la fotografia, è la prima ragazza a entrare nella rosa delle sei finaliste che rappresenteranno il Friuli Venezia Giulia alla finale nazionale di Miss Mondo Italia, in calendario il prossimo anno a Gallipoli. A seguire gli altri titoli sono andati a Sara Pisanò, 17 anni, di Romans d’Isonzo; Roberta Salice, 20 anni di Trieste; Micaela sedicenne di Tolmezzo “Miss Portopiccolo 2016”; Irene Lovic, 20 anni di Trieste e Aisha Boh, 17, di Mossa.

C.S.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!