Udine Design Week torna a marzo con molte novità

9 Gennaio 2019

UDINE. Presentata oggi alla Camera di Commercio di Udine, in una sala piena, la prossima edizione di Udine Design Week, la manifestazione ideata e organizzata dal Museo del Design del Friuli Venezia Giulia, MuDeFri, che si terrà da sabato 2 marzo a sabato 9 marzo. Verrà inaugurata in occasione del 2 marzo, Giornata del Design Italiano nel mondo, promossa dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. L’evento è iniziato con la proiezione del video che raccoglie le esperienze dell’edizione passata, a cura di Teresa Terranova con sorpresa finale: la performance del rapper DJ Tubet in lingua friulana.

Il format è internazionale, come ha spiegato Lisa Balasso, responsabile di Venice Design Week, e mira a promuovere le nostre città associandole a termini come qualità e creatività, valorizzando quelle attività che fanno del design un punto di forza attraverso incontri e mostre in luoghi pubblici e privati. Perché il design? Il Design è un tema a tutto tondo che consente molteplici e inedite azioni capaci di coniugare turismo, cultura, commercio, professioni, artigianato, industria. Durante l’ultima edizione proprio a Venezia si è tenuto il primo meeting delle Design Week Italiane in vista di una federazione che potrebbe portare a interessanti collaborazioni. È successo a Udine Design Week che, portando alcuni designer alla Design Week di Venezia, ha aperto a Jewelshape la strada per la Cina. Udine Design Week è la risposta al bisogno di una manifestazione che sottolinei la qualità dei negozi e valorizzi la città anche per la qualità dello shopping.

Molte le novità dell’edizione di Udw, innanzitutto il tema, intorno al quale negozi, imprese, designer, studenti, sono chiamati ad essere creativi: Riflessioni. Riflessioni in senso fisico e in senso lato. Si chiede di “riflettere”, far diventare reali e percepibile un fenomeno fisico, e “far riflettere”, ragionare su temi di attualità nel mondo del design contemporaneo. Un tema che potrà essere declinato in molteplici modi a seconda dell’interpretazione che organizzatori e aderenti sapranno dare. Una mappa collegherà tutti gli eventi della settimana, totem segnaletici dotati di codice QR indicheranno il luogo, la comunicazione social farà il resto, come ben sperimentato l’anno scorso.

Punti fermi sono i 10 negozi che hanno aderito al concorso Window Shopping: Arte Poli, Civico 87, Gill gioie, Grosmi, Impronta creativa, K2 Sport, La Tarantola, Spazio Querini, SpazioTre, Tendaggisti Barison. Riduttivo chiamare “vetrina” il progetto di Design degli Interni al quale stanno lavorando 10 giovani designer e una trentina di studenti dell’Istituto Malignani di Udine e della sede di San Giovanni al Natisone. La vetrina di un negozio è la sua interfaccia con il pubblico: la vendita è determinata anche dall’immagine della merce esposta e dall’impatto visivo che suscita negli acquirenti. Il merchandising oggi è diventata una branca del design, sia a livello di progettazione di display/espositori funzionali alle diverse tipologie di oggetti sia a livello di architettura d’interni. Si tratta di un vero e proprio progetto dove la creatività si deve confrontare con il marketing, le tecniche di realizzazione, il budget. La rivista Vista Casa offre come premio uno speciale servizio sul negozio la cui vetrina risulterà vincente. Per i ragazzi in premio libri di design e un attestato.

Tema serio anche per il tradizionale convegno di approfondimento che verrà ospitato nel Palazzo d’Oro sede della Fondazione Friuli. Intorno a questi progetti sta crescendo la rete di adesioni che, l’anno passato, ha permesso di organizzare 31 eventi che hanno coinvolto attività commerciali e gallerie d’arte, oltre 50 designer e circa 200 studenti. La testata Il Friuli celebrerà con Udine Design Week il suo 170mo anniversario. Tra gli eventi in programma ci sarà l’Oggetto Di Design Partecipato Misterioso, a cura dell’Associazione di giovani architetti A+Aud. Sarà itinerante, svelato l’ultimo giorno di Udine Design Week e oggetto di un’asta per l’autofinanziamento.

Ospite dell’edizione 2019 sarà Giulio Iacchetti, noto designer autore di progetti come Moleskine e il cucchiaino di Grom, a cui sarà dedicata una mostra: Coltelli Inutili, parte di una riflessione di In Utile portata avanti dall’associazione Furclap con Fare. Su questo tema sarà aperta una mostra anche negli spazi del Malignani. E non mancherà la rassegna Design in Vetrina, dove si potranno vedere speciali lavorazioni con materiali come il mosaico e la carta, e poi musica, workshop e danza.

Per i negozi c’è ancora qualche giorno per aderire: fino al 15 gennaio prossimo si può scrivere a info@mudefri.it. Per i designer sarà on line la “call” (chiamata) per partecipare alle mostre a tema che verranno organizzate in spazi pubblici e privati.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!