Tutte le cose belle finiscono… anche l’Estate a Pordenone

30 Agosto 2019

PORDENONE. Ecco le proposte dell’ultimo week-end per l’Estate a Pordenone.

Sabato 31 agosto
L’Estate a Pordenone comincia alle 9 con le discese in canoa e prosegue alle 11 con la visita guidata gratuita alla città promossa dal Rotary (partenza dalla Loggia del Municipio). Per le famiglie consueto appuntamento nel pomeriggio con le letture per bambini fino ai 6 anni e i loro genitori alle 17 in Biblioteca Civica.

Rovere

La Festa della Catalpa, in programma in Piazza Valle a Vallenoncello in programma dalle 16, quest’anno si presenta con un nuovo, rivoluzionario formato. La festa vuole diventare un evento intergenerazionale capace di coniugare gli interessi del mondo giovanile con le tradizioni di un tempo. Saranno presenti, infatti, diversi artisti emergenti tra cui pittori, fumettisti, musicisti e molto altro. Verranno realizzate magliette artigianali e laboratori di graffiti tenuti dai ragazzi dell’Haka Spray Team. Nello stesso contesto saranno riproposti anche i mestieri di una volta, come l’arrotino e il fabbro, oltre ad altre professioni artigianali. La piazza avrà in sottofondo la musica delle radio d’epoca e del juke boxe, mentre giochi per tutte le età, chioschi e degustazioni allieteranno il pomeriggio.

Come da tradizione, anche quest’anno ci saranno i balli folkloristici dei danzerini di Santa Lucia di Sesto al Reghena. Seguirà lo spettacolo teatrale “Qualcuno da amare?!”, rivisitazione in chiave moderna del musical “Grease”. La serata si concluderà con l’esibizione dal vivo della cantante Gloria Piattoni, seguita dai bizzarri Red Lodge, dagli esuberanti Sadc e, in chiusura, dai Soundiving, tutte band giovani ed emergenti. L’evento sarà realizzato anche grazie al sostegno delle molteplici associazioni di volontariato e di impegno sociale presenti nel territorio. In caso di maltempo la Festa della Catalpa verrà spostata nel palazzetto dello sport di Vallenoncello.

Alle 21 nel Convento di San Francesco il già annunciato “Trame e Proporzioni”, festival del Barocco Europeo, che offrirà un altro imperdibile incontro con la musica di G.F. Haendel nel concerto-omaggio “Figlio d’alte speranze”, proposto da I Solisti Ambrosiani.

L’ultima data del Music in Village, sabato 31 agosto, vedrà esibirsi uno dei gruppi rivelazione italiani, i bolognesi Rovere nati da un’idea di Nelson Venceslai, Luca Lambertini e Lorenzo Stivani, preceduti e seguiti dal “Royal Rumble” il dj esplosivo di Putano Hoffman. I primi due singoli La pioggia che non sapevo e Caccia militare entrano in Top 50 viral di Spotify e superano in pochi mesi i 2.000.000 di ascolti. La band inaugura il tour esibendosi nei migliori festival italiani e registrando il sold out in alcuni club storici come il Covo Club di Bologna. Senza concentrarsi su un genere musicale predefinito, la band ha unito i propri gusti e le proprie predisposizioni, trasportando il suono da una parte all’altra, creando il primo album Disponibile anche in Mogano e il primo singolo estratto che raggiunge il milione di ascolti guadagnandosi un posto in copertina di “Indie Italia” e la presenza in “Italia in Alta Rotazione” su Spotify.

Domenica 1° settembre

Paolo Belli

Il grande concerto di chiusura dell’ Estate a Pordenone promosso dal Comune di Pordenone con il sostegno della Regione Fvg e della Fondazione Friuli, in programma alle 21 in Piazza XX Settembre, sarà un evento musicale imperdibile, che vedrà sul palcoscenico la San Marco Brass Orchestra Fvg in concerto e un ospite davvero speciale: il musicista e showman Paolo Belli. Per festeggiare i 50 anni di fondazione della Società Musicale San Marco infatti, sul palco della grande piazza centrale di Pordenone la San Marco Brass Orchestra proporrà il suo “Flight to the world” che durante l’estate ha portato in tour tra Friuli Venezia Giulia e Veneto in numerose tappe.

Ma la grande attesa della serata è quando salirà sul palcoscenico come special guest Paolo Belli, noto cantante e volto televisivo di Rai1, che canterà alcuni dei suoi più grandi successi e il suo ultimo singolo “Sei il mio giorno di sole” accompagnato per la prima volta proprio da una brass band. Sarà dunque un viaggio musicale intorno al mondo che spazierà dalle melodie e ritmi travolgenti proposti dalla SM Brass Orchestra, alle canzoni interpretate da Paolo Belli. Uno spettacolo divertente, allegro ed emozionante grazie dunque alle armonie tracciate dalla brass orchestra e alla voce e al sound inconfondibile di Belli. Divertire e divertirsi: questa è la regola di questa serata che sarà assolutamente magica.

Dall’uscita, alla fine degli anni ’80, del suo primo album “Ladri di Biciclette” Paolo Belli ha tenuto centinaia di concerti, tre partecipazioni a Sanremo e due vittorie al Festivalbar, ed ha collaborato con artisti prestigiosi quali Sam Moore, Dan Aykroyd, Billy Preston, Jon Hendricks, Jimmy Whiterspoon, Vasco Rossi, Piero Chiambretti, Enzo Jannacci, Fabio Fazio, Litfiba, Red Ronnie, Paolo Rossi, Gialappa’s Band, Mogol, Avion Travel, P.F.M. e Mario Lavezzi. Negli ultimi anni, l’innata simpatia e la duttile personalità gli hanno permesso di affiancare, nella duplice veste di musicista e showman televisivo, personaggi come Giorgio Panariello, Carlo Conti e Milly Carlucci, negli show più riusciti dei varietà targati Rai1.

La San Marco Brass Orchestra è composta da Diego Cal, Luca Del Ben, Emanuele Resini, Enrico Mattea, Francesco Vella (trombe); Claude Padoan (corno); Sergio Bernetti, Mauro Valente, Lorenzo Tommasini (tromboni); Enrico Toso (basso tuba); Gianni Casagrande, Michele De Conti (percussioni e batteria) Andrea Tomasi (pianoforte). E’ formata dalle prime parti della sezione ottoni, percussioni e tastiere della famosa orchestra del Friuli Venezia Giulia. Ideatore e coordinatore dell’ensemble è il musicista friulano Diego Cal, attorno al quale si è riunito un gruppo di musicisti accomunati proprio dal desiderio di far conoscere al pubblico le qualità e le sonorità degli ottoni. La SM Brass Orchestra ottiene già da diversi anni un vasto eco nel panorama concertistico italiano sia per l’alto profilo artistico dei singoli componenti, tutti professionisti che collaborano con importanti orchestre italiane, sia per l’originalità e per il gradimento di pubblico e critica. L’ensemble fa risaltare le poliedriche possibilità esecutive degli ottoni sia negli aspetti virtuosistici che in quelli melodici, mettendo in evidenza l’esecuzione e la tecnica di altissima qualità di ogni singolo musicista.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!