Trio Joyce in Divertissement

22 Gennaio 2018

TRIESTE. Maria Bertòs clarinetto, Snežana Acimović violino, Hiromi Arai pianoforte: in arte il Trio Joyce, l’Ensemble nato al Conservatorio Tartini e da alcune stagioni di scena con successo nei circuiti cameristici del territorio. Con il concerto “Divertissement”, dedicato ad alcuni autori di riferimento del panorama contemporaneo, sarà proprio il Trio Joyce a siglare la conclusione del primo ciclo di concerti autunno-inverno 2018 del Tartini mercoledì 24 gennaio. Appuntamento alle 20.30 nella Sala Tartini (via Ghega 12, Trieste) per una serata musicale scandita da pagine di Gian Carlo Menotti (Trio per violino, clarinetto e pianoforte), Darius Milhaud (Suite per violino, clarinetto e pianoforte op. 157 b), Dmitrij D. Šostakovič (Cinque pezzi, Prelude) e Aram Il’ič Chačaturjan (Trio per violino, clarinetto e pianoforte op. 30). Come sempre l’ingresso è libero previa prenotazione, inizio ore 20.30. Info tel. 040.6724911 www.conservatorio.trieste.it

L’accostamento in trio di violino, clarinetto e pianoforte è piuttosto inconsueto: le soluzioni timbriche che ne scaturiscono hanno stimolato la creatività di illustri compositori come Béla Bartók, Igor’ Stravinskij, Francis Poulenc ecc.. Di Gian Carlo Menotti, noto anche per aver fondato il Festival dei Due Mondi di Spoleto, il Trio Joyce metterà a fuoco il lato più nascosto ed intimo, quello cameristico, con il Trio per violino clarinetto e pianoforte, riconducibile all’ultimo periodo e quindi alla piena maturità artistica del compositore. Di seguito Darius Milhaud, con la vivace Suite in quattro movimenti, quadri che si ispirano alle musiche di scena composte per la pièce teatrale Le voyageur sans bagages di Jean Anouilh. Seconda parte del concerto nel segno dei Cinque pezzi di Dmitrij D. Šostakovič e del Trio di Aram Il’ič Chačaturjan, una partitura di chiara ispirazione popolare con melodie e ritmi mutuati dalla tradizione musicale georgiana, armena e azera.

La clarinettista Maria Bertòs affianca all’attività strumentale quella canora. nel maggio 2017 ha vinto il Primo premio per la sezioni fiati al Concorso Internazionale Giovani Musicisti “Diapason d’oro”di Pordenone; la violinista Snežana Aćimović è attualmente in forze all’Orchestra “Busoni” di Trieste e all’Orchestra Filarmonica di Monfalcone. La pianista Hiromi Arai collabora con ensemble cameristici e si è esibita in contesti prestigiosi come il Mittelfest di Cividale. Le tre musiciste hanno conseguito il Diploma Accademico di I livello al Conservatorio Tartini.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!