Trincee del mare in anteprima al Museo Revoltella

6 Aprile 2018

TRIESTE. Sabato 7 aprile, alle 18 all’Auditorium del Museo Revoltella di Trieste (via Diaz 7), nell’ambito degli eventi collaterali legati alla mostra “Il mare dell’intimità”, la sede Rai del Fvg insieme al Servizio catalogazione, formazione e ricerca dell’Erpac e al Comune di Trieste presentano in prima assoluta il nuovo documentario di Pietro Spirito e Luigi Zannini, “Trincee del mare – La Grande Guerra in Adriatico” (Italia, durata 45′), per la regia di Luigi Zannini, terzo filmato della serie “La Frontiera Sommersa”, realizzata dalla Sede Rai FVG. Ingresso libero, fino esaurimento dei posti disponibili. Alle 16.30, al Salone degli Incanti, visita guidata di Rita Auriemma curatrice della mostra “Nel mare dell’intimità” (30 posti disponibili). Biglietti dalle 16. La visita è gratuita, l’ingresso alla mostra a pagamento e dà diritto a un posto riservato per l’evento delle 18.

Zannini e Spirito sul set

Con un tuffo nella grande Storia, “Trincee del mare” racconta gli sviluppi e lo svolgersi della Grande Guerra nel Nord Adriatico attraverso alcune fra le tracce e i relitti lasciati dal conflitto sul fondo del mare. Dopo oltre un anno di ricerche, immersioni, riprese a terra e subacquee, con la consulenza di storici ed esperti e l’appoggio di enti e istituzioni – dalla Soprintendenza Archeologia e Belle Arti e Paesaggio del Fvg, alla Marina militare e Guardia costiera fino ai sommozzatori della Polizia di Stato – il team della Frontiera Sommersa ha seguito – e in qualche caso scoperto – storie e vicende della Grande Guerra spesso dimenticate e nascoste in fondo al mare. Dalla prima azione di guerra fra l’Italia e l’Austria-Ungheria – l’attacco del cacciatorpediniere Zefiro all’isola di Anfora nella laguna di Grado la notte del 24 maggio 1915 – fino all’affondamento della corazzata Viribus Unitis nella rada di Pola il 1 novembre del 1918, il documentario ricostruisce lo svolgersi dei quattro anni di combattimenti dal golfo di Venezia a quello di Trieste, dalla laguna di Grado alle coste dell’Istria, esplorando i relitti e i resti sommersi di quegli scontri.

Con alcune scoperte sorprendenti, come il relitto della zattera armata posta a guardia di Grado e fatta esplodere dagli italiani in fuga dall’isola dopo Caporetto, o il pontone italiano armato affondato alle foci dell’Isonzo, o ancora i resti dell’imbarcazione austriaca carica di munizioni destinate al fronte colata a picco durante un fortunale al largo di Grado nel novembre del 1917. E, ancora, i relitti delle torpediniere italiane 88S e 5PN, dell’ U-Boot tedesco U-73, e, a terra, i ruderi delle batterie costiere. Su tutto, il profilo e la memoria dei protagonisti di quegli eventi: da Luigi Rizzo a Gabriele D’Annunzio, dall’ammiraglio Alfred von Koudelka, comandante del Seebatallion Trieste, a Raffaele Rossetti, l’affondatore della Viribus Unitis. E poi i tanti, anonimi volti dei marinai che nelle acque dell’Alto Adriatico combatterono con abnegazione e coraggio dall’una e dall’altra parte delle “Trincee del mare”.

Il filmato andrà in onda domenica 8 aprile alle 10.05 su Rai 3 e sarà replicato mercoledì 11 aprile alle 21.20 su Rai 3 bis (canale 103 d.t.).

Condividi questo articolo!