Torna Favole al telefono prima di addormentarsi

7 Marzo 2020

MOGGIO. Si chiama “Favole al telefono” ed è un’iniziativa particolarmente significativa, nel momento così particolare che tutte le nostre comunità stanno vivendo in queste settimane. A partire da lunedì 9, fino a venerdì 13 marzo, i bambini di tutte le età (ma proprio tutte: dai 2 ai … 99 anni, davvero!) possono ricevere – tra le 20 e le 21.30 – una chiamata speciale: le lettrici volontarie della Biblioteca di Moggio Udinese proporranno a bambini e bambine che ne faranno richiesta, una favola al telefono prima di dormire.

L’iniziativa, proposta nell’ambito del programma di promozione della lettura LeggiAmo 0-18, è nata dalle stesse lettrici volontarie, con lo scopo di sentirci tutti un po’ più vicini e per celebrare e diffondere i contenuti rivoluzionari della poetica di Gianni Rodari nel centenario dalla sua nascita. “Favole al telefono” è infatti una raccolta di fiabe e brevi racconti, firmati dal celebre scrittore, che un papà, fuori casa per lavoro, ogni sera narra alla sua bambina. Nelle storielle di Rodari si avverte la presenza di una sorridente condivisione pedagogica e una volontà sincera di empatia con i più piccoli. a stessa iniziativa era stata proposta durante la rassegna “La strada dei libri passa da…” progetto ideato da Damatrà, sempre all’interno di LeggiAmo 0-18 Fvg, e aveva raccolto tante entusiastiche adesioni.

Chi vuole, dunque, che una lettrice chiami a casa sua nelle sere tra lunedì 9 e venerdì 13 marzo, tra le 20 e le 21.30, e legga al telefono una favola per il suo bambino prima di addormentarlo, può prenotare la sua storia (entro le 19 del giorno prima della data scelta) al numero 0433.508039 (martedì e venerdì 14.30-16.30, mercoledì 10-12 e giovedì 16-19) o scrivere a biblioteca@comune.moggioudinese.ud.it, o ancora seguire le attività sulla pagina FaceBook della Biblioteca di Moggio Udinese.

LeggiAmo 0-18, il progetto regionale di promozione della lettura, ha come partner il Consorzio culturale del Monfalconese, il Centro per la Salute del Bambino Onlus, Damatrà Onlus, l’Aib Associazione Italiana Biblioteche – Sezione Fvg e l’Associazione Culturale Pediatri.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!