Tirocinio allo Scriptorium per persone con disagio mentale

16 Marzo 2021

SAN DANIELE. Prosegue l’attività dello Scriptorium Foroiuliense di San Daniele per realizzare attività a favore del territorio, mettendo a disposizione le proprie competenze e le occasioni lavorative offerte dal recupero di antichi mestieri, attraverso accordi con le principali istituzioni regionali. A tal fine, nei giorni scorsi è stata firmata una convenzione quadriennale fra l’Asufc di Udine e l’associazione degli amanuensi il cui fine è la realizzazione di quattro tirocini lavorativi di orientamento, formazione e inserimento/reinserimento di persone con disagio prese in carico dal Dipartimento di Salute Mentale dell’Asufc stessa, con particolare riferimento a quelle prese in carico dal Centro di Salute Mentale di San Daniele del Friuli. In particolare, i tirocini saranno volti a coinvolgere le persone indicate dall’Asufc nelle attività di realizzazione della carta fatta a mano secondo le antiche tecniche medievali.

«Nel Distretto di San Daniele –– spiega il dott. Marco Bertoli, direttore del Dipartimento di Salute Mentale dell’Asufc – seguiamo circa 800 persone all’anno con vari livelli di disagio mentale temporaneo o (in pochi casi) cronico, su una popolazione complessiva del Distretto di circa 50 mila persone. Come per gli altri nove distretti dell’Asufc (tutti con numeri simili sia di popolazione, sia di persone seguite), i tirocini inclusivi sono una delle modalità che prediligiamo per favorire la possibilità che persone con svantaggio si avvicinino al mondo del lavoro o, comunque, ad attività nelle quali le singole persone possano esprimersi in quanto hanno da dare. Siamo, infatti, convinti – prosegue Bertoli – che qualsiasi persona sia una risorsa e, attraverso le tante convenzioni che sottoscriviamo, cerchiamo di trovare a ciascuno l’attività che sente più vicina ai propri desideri e alle proprie capacità. In passato, il mondo della psichiatria e della salute mentale era legato a forme di reinserimento limitate che, di solito, riguardavano i lavori nella gestione del verde o la ristorazione. Da tempo, invece, noi cerchiamo di aumentare le possibilità offerte ai nostri pazienti, in modo da offrire maggiori occasioni di reinserimento».

Il mondo della salute mentale, infatti, secondo il dottor Marco Bertoli, abbisogna fortemente di relazioni, perché non di rado le persone con disagio mentale tendono a non avere opportunità o ad auto isolarsi. Creare, quindi, occasioni di lavoro è fondamentale per aiutarle a superare il loro svantaggio. «La stragrande maggioranza delle persone che prendiamo in carico – precisa il direttore del Dipartimento di Salute Mentale dell’Asufc – soffre di disagi temporanei che con il giusto percorso di reinserimento possono essere superati più velocemente e, anche per le persone con disagi cronici, un inserimento lavorativo adeguato può portare molti benefici. Per tutti questi motivi – conclude Bertoli – siamo molto contenti della Convenzione con lo Scriptorium che, come abbiamo potuto già verificare con alcuni test, con la sua offerta di lavori antichi, ricchi di fascino svolti in un ambiente molto tranquillo, crea occasioni che possono essere molto gradite da alcuni dei nostri pazienti».

Da parte dello Scriptorium Foroiuliense c’è forte soddisfazione per la convenzione, firmata anche grazie al sostegno dell’Amministrazione Comunale di San Daniele e che costituisce un nuovo passo avanti nell’attività dell’associazione. «Lo Scriptorium Foroiuliense – afferma il suo presidente, Roberto Giurano – è un’associazione culturale, senza scopo di lucro e totalmente apolitica e apartitica, la cui attività ha tanto più senso, quanto più è utile al territorio e alla comunità. Con questa logica portiamo da sempre avanti le nostre tante iniziative, dai corsi di calligrafia antica alla ricerca storica, dalla gestione dei propri spazi espositivi alla produzione di carta fatta a mano, fino alla produzione di trasmissioni e servizi informativi con la nostra Web Tv.

Siamo, quindi, grati all’Asufc per aver accettato di firmare questa convenzione che si aggiunge a quelle che abbiamo siglato nel recente passato con l’Irccs Materno Infantile “Burlo Garofolo” e con l’Istituto Manzini. In particolare, siamo felici – prosegue Giurano – di potere aiutare il reinserimento, attraverso il lavoro di produzione della carta, di persone che soffrono una condizione di svantaggio. Nei mesi scorsi abbiamo potuto realizzare alcuni test con diversi ragazzi e ragazze seguiti dal Centro di Salute Mentale del Distretto di San Daniele e abbiamo notato come molti di loro si siano appassionati al lavoro di realizzazione dei fogli di carta secondo l’antica tecnica medievale. Abbiamo anche avuto l’occasione di conoscere persone meravigliose che vivono un momento di difficoltà, ma che hanno tanto da dare sotto ogni punto di vista. Per questo – conclude il presidente dello Scriptorium – metteremo tutto il nostro impegno per collaborare con la squadra del dott. Bertoli, nella convinzione che essere utili alle persone in difficoltà è quanto di più importante lo Scriptorium possa fare».

Condividi questo articolo!