Il Timavo e i suoi segreti in una nuova pubblicazione

10 Dicembre 2017

MONFALCONE. Mercoledì 13 dicembre, alle 18, nella sala conferenze della Biblioteca comunale di Monfalcone, si terrà la presentazione del 47° numero di “Atti e Memorie” della Commissione Grotte E. Boegan di Trieste, dedicato al Lacus Timavi. Dopo i saluti delle autorità interverranno Claudio Zaccaria, già docente di storia romana ed epigrafia latina all’Università di Trieste; Fabrizio Fattor, direttore del servizio geologico della Regione; Paola Ventura, funzionario archeologo della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio del Friuli Venezia Giulia; Fabio Forti, decano dei carsisti e degli speleologi, Past President della Commissione Grotte E. Boegan, della Società Alpina delle Giulie, della Federazione Speleologica Triestina nonché primo autore che, nel lontano 1961, ha aperto il primo numero di Atti e Memorie; Spartaco Savio, presidente della Commissione Grotte E. Boegan; Enrico Merlak, direttore responsabile della rivista Atti e Memorie. Saranno presenti in sala anche i rappresentanti dell’associazione culturale “Lacus Timavi” di Monfalcone.

La rivista Atti e Memorie, giunta al suo 47° numero, è un volume di oltre 260 pagine che la Commissione Grotte E. Boegan ha dedicato alla conoscenza del Lacus Timavi, quel piccolo territorio, carico di storia, che si sviluppa attorno alle risorgive del Timavo. Il tema, introdotto da una presentazione dello studioso ed epigrafista Claudio Zaccaria, viene ampiamente sviluppato in una dozzina di contributi spazianti dalla storia alla geologia, dall’idrologia alla paleontologia, dalla preistoria all’ambiente, senza tralasciare le ricerche speleologiche, quelle entomologiche e quelle botaniche. Si tratta di un’esaustiva monografia a cui hanno contribuito con la loro opera una ventina di autori appartenenti al mondo accademico, museale, tecnico nonché speleologico. Riccamente illustrata, è completata da una tavola fuori testo in cui è rappresentato il Complesso delle Risorgive del Timavo (rappresentazione aggiornata al 2017). Il volume si pone all’attenzione dello studioso anche per la pregevole riproduzione di documenti e rilievi.

Condividi questo articolo!