Teatro: indagine sull’Uomo da Shakespeare a Pirandello

8 Dicembre 2016

SEDEGLIANO. Giorgio Pasotti sarà protagonista venerdì 9 dicembre alle 20.45 al Teatro Plinio Clabassi di Sedegliano con Da Shakespeare a Pirandello. Lo spettacolo, firmato da Davide Cavuti, arriva in Friuli Venezia Giulia solo per questa data all’interno della stagione teatrale promossa da ERT e Comune.

Cavuti e Pasotti

Cavuti e Pasotti

Il progetto culturale è nato sotto l’egida dell’Agiscuola nazionale per celebrare i quattrocento anni dalla morte di William Shakespeare (24 aprile 1616) e i 70 anni dalla morte di Luigi Pirandello (10 dicembre 1936). Attraverso alcuni brani tratti dalle loro opere si potranno cogliere gli aspetti della vita dell’Uomo quali l’essere, l’apparire, l’amore, la politica, le ingiustizie, il futuro. Shakespeare ha raccontato le innumerevoli contraddizioni dell’essere umano, ha insegnato come vivere le ingiustizie, i dolori, il destino con una profonda analisi del sentire umano. Pirandello ha affrontato il tema della vita con un sagace connubio di tragico e umoristico: l’irridente e affranta tenacia di un uomo che racconta il suo tormento al primo che gli capita in un caffè, ci consegna un messaggio di difesa della vita che va assaporata nella sua beatitudine e ammirata nella sua bellezza.

Giorgio Pasotti dà corpo e voce a questi due autori, calandosi nei diversi personaggi. Lo spettacolo si articola in due quadri. Il primo è un omaggio a Shakespeare e propone, tra gli altri, il discorso di Marcantonio tratto dal Giulio Cesare fino al più celebre monologo dell’Amleto. Il secondo quadro dà spazio all’opera di Luigi Pirandello, da L’uomo dal fiore in bocca ai ritratti dell’Italia del tempo firmati dallo scrittore che nel 1935 vinse il Premio Nobel per la Letteratura.

Il pubblico avrà l’opportunità di ascoltare le parole dei due grandi scrittori accompagnata dalle musiche originali composte dallo stesso Davide Cavuti e coreografate da Loredana Errico, direttore artistico Teatro dei 99 de L’Aquila.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!