I Teatri dell’anima riparte da Sesto al Reghena con Giobbe

12 Dicembre 2017

SESTO AL REGHENA. Torna “I Teatri dell’anima”, festival nato per riflettere sul mondo che è stato, che sta cambiando e che sarà, analizzando etica e storia, portando anche quest’anno in scena nelle chiese del Friuli occidentale alcuni interessanti spettacoli teatrali grazie all’organizzazione di EtaBeta Teatro. “Saremo ospiti – spiega il direttore artistico del festival Andrea Chiappori – di due luoghi simbolo per la fede del nostro territorio, ovvero l’Abbazia di Santa Maria in Silvis a Sesto al Reghena, di origini longobarde, e il Duomo del Santissimo Corpo di Cristo di Valvasone Arzene, il quale conserva la reliquia della sacra tovaglia. Due location uniche per altrettanti spettacoli unici in questo periodo natalizio, ideali per riflettere insieme ed entrambi a ingresso libero: Giobbe, dal celebre romanzo di Jospeh Roth a Sesto e il racconto tutto al femminile del Piccolo canto di Resurrezione a Valvasone Arzene”.

Roberto Anglisani, noto attore milanese, darà vita al romanzo rothiano Giobbe giovedì 14 dicembre nell’Abbazia di Santa Maria in Silvis a Sesto al Reghena alle 20,45 con ingresso libero. Porterà in scena il racconto di vita della famiglia russa composta da Mendel Singer, sua moglie Deborah e i loro quattro figli attraversando al contempo anche la storia del primo Novecento, dalla Russia all’America, dalla guerra russo giapponese alla prima guerra mondiale e oltre. Ma soprattutto attraverserà il cuore di Mendel, lo stupido maestro di stupidi bambini, devoto al Signore, e dal Signore, crede lui, abbandonato come il personaggio biblico che dà il nome alla piece. Anglisani dà voce a tutti i pensieri dei protagonisti, alle paure, alle speranze e alla disperazione, alle preghiere e alle rivolte. Un racconto teatrale tragicomico proprio come la vita. Adattamento e regia di Francesco Niccolini.

Cinque donne (Francesca Cecala, Miriam Gotti, Barbara Menegardo, Ilaria Pezzera e Swewa Schneider) proporranno il Piccolo canto di Resurrezione mercoledì 27 dicembre nel Duomo del Santissimo Corpo di Cristo di Valvasone Arzene alle 20,45 con ingresso libero. Racconteranno storie di vite che anelano al cambiamento, al riscatto, alla guarigione e alla Resurrezione. Storie dal sapore acre, a volte tragicomico e dal ritmo variegato. Cinque voci diverse ma che si fondono in un unico affresco di racconti cantati e canti musicati, seguendo il filo conduttore della Loba, donna che ha 2 milioni di anni.

Le serate sono organizzate in collaborazione con le Parrocchie e il patrocinio dei Comuni di Sesto al Reghena e Valvasone Arzene. “I Teatri dell’Anima” è una rassegna nata con il sostegno dell’Assessorato regionale al turismo del Friuli Venezia Giulia su progetto di Etabeta Teatro e della Scuola Sperimentale dell’Attore in collaborazione con il Coordinamento Operatori Teatrali Pordenone. Un progetto culturale elaborato da Andrea Chiappori di Etabeta teatro e Ferruccio Merisi della Scuola Sperimentale dell’Attore.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!