Tanti film ogni dì a ShorTs ma ci sono anche workshop

3 Luglio 2022

Crai nou

TRIESTE. Quarta giornata di programmazione per lo ShorTs Iff il cui primo appuntamento, fissato dalle 10 alle 14 alla Casa del Cinema, presenta la seconda lezione del workshop Acting on Camera, a cura di Lorenzo Acquaviva (attore) e Davide Del Degan (regista), durante il quale i partecipanti, attraverso monologhi o dialoghi tratti da sceneggiature cinematografiche, lavoreranno sul rilassamento, la micro mimica e il piano di ascolto; mentre dalle 18 alle 20 nella stessa sede spazio alla sezione ShorTS Virtual Reality. Per l’occasione la Casa del Cinema si trasformerà in una sala cinematografica virtuale, in cui gli spettatori potranno sperimentare questa nuova tecnologia. Ciascuna postazione sarà dotata di un visore e di una poltrona girevole che permetterà di visionare i corti in concorso e di muoversi a 360° nello spazio per sperimentare un nuovo modo di fare cinema.

Le proiezioni serali prendono il via alle 20 al Teatro Miela dove si presentano due lungometraggi in concorso nella sezione Nuove Impronte: l’anteprima nazionale di Sardunya/Geranium di Çağil Bocut (Turchia 2021), che racconta la storia della diciannovenne Defne, costretta a tornare nella sua città natale poco prima degli esami perché suo padre ha avuto un infarto. La riabilitazione darà ai due la possibilità di sanare la loro fragile relazione.

Nitty-Gritty

Lentamente coinvolta in un dramma familiare, assiste al suicidio di sua zia a causa delle pillole non prescritte che le ha fornito. Colpevole e con la coscienza sporca, perderà lentamente la sua innocenza e a metterà in discussione la sua idea di giustizia; e Crai nou/Blue Moon di Alina Grigore (Romania, 2021), dramma psicologico che parla di famiglia, di sesso e anche un po’ di sangue. Irina lotta per avere un’istruzione superiore e per fuggire dalla violenza della sua allargata e disfunzionale famiglia; ma si trasforma da vittima a carnefice, a causa dei contesti violenti in cui si trova. Un’ambigua esperienza sessuale con un artista le dà la forza di andare contro l’approccio violento dei maschi della sua famiglia.

A partire dalle 21.15 il Giardino Pubblico ospita invece il quarto blocco della sezione Maremetraggio, di cui si segnalano Homebird di Ewa Smyk (Regno Unito 2021), animazione realizzata con la tecnica della pittura su rodovetro utilizzando migliaia di pennarelli, tubi di vernice e fogli di acetato; e Nitty-Gritty Punjab Police di Kabir Mehta (India 2021, 12’), lavoro ibrido – incorpora found footage, memorie, mockumentary e video di danza – ambientato nel Punjab che denuncia la brutalità della polizia.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!