Suono in mostra a Udine

3 Giugno 2016

UDINE. Si inaugura venerdì 3 giugno a Udine con una grandiosa Opening che dura l’intera giornata, Il suono in mostra, primo festival di arte sonora in regione che punta i riflettori sull’uso del suono come espressione artistica. Ideato da Antonio Della Marina e Alessandra Zucchi, artisti e fondatori della galleria Spazioersetti di Udine e realizzato da Continuo associazione culturale col sostegno di Regione e Comune di Udine, la collaborazione di Civici Musei, Museo del Duomo – Cattedrale di Udine, Associazione Orchestra Filarmonica e SSM Spa, Il suono in mostra trasforma Udine in una galleria d’arte con opere di artisti internazionali in numerosi luoghi della città visitabili a ingresso libero (eccetto quella a Casa Cavazzini, subordinata all’ingresso alla mostra Paradoxa).

Attesa venerdì alle 18.00 a Palazzo Garzolini di Toppo Wassermann per l’accensione della installazione Whispers and Dreams dell’artista inglese Scanner, dedicata a William Shakespeare, a 400 anni dalla sua morte. Amato da Bjork, Aphex Twin e Stockhausen, Scanner ha lavorato con Bryan Ferry, Radiohead, Laurie Anderson, Merce Cunningham, Michael Nyman, Derek Jarman, Carsten Nicolai e Douglas Gordon e ha esposto per Centre Pompidou di Parigi, Kunsthalle di Vienna, Teatro Bolshoi di Mosca, Tate Modern, Tate Britain e Royal Opera House di Londra. Visitabile tutti i giorni dalle 15.30 alle 19.30, la sua installazione usa musica e linguaggio per presentare un mondo sonoro fatto di sussurri e sogni. I diffusori sono stati progettati da Giorgio Tomasini, l’ideazione e progettazione sono di Continuo con Scanner, la realizzazione è di Tommaso Pascutti, architetto falegname.

La Opening comincia però dal mattino: alle 10 sulla salita del Castello di Udine in Piazza Libertà va in scena No Loitering a cura di Continuo, con 100 campanelli di bicicletta; alle 11 si apre l’opera di Kraig Grady Floating Presences Upon Mt. Mer a Palazzo Bartolini Biblioteca Civica V. Joppi; alle 12, l’installazione di Michael J. Schumacher Room Piece Udine 2016 al Rifugio antiaereo di Piazza I Maggio; alle 14 il goriziano Michele Spanghero apre la sua opera Guttatim al Battistero del Duomo di Udine; alle 15.30 la slovena Hanna Preuss accende Lullabies for the Tsunami Souls al Museo di Arte Moderna e Contemporanea Casa Cavazzini; alle 16.30 il gradese Alessandro Fogar apre la sua installazione sul terremoto del ’76 21.00.12 al Castello. Uno sciame di grilli elettronici canterà invece tutte le notti alla Loggia di San Giovanni, in Piazza Libertà.

La Opening si completa sabato alle 12 con l’apertura dell’opera di Jana Winderen, Interrupting The Surface alla Galleria Tina Modotti ex mercato del pesce, alle 15 con Ivo Vicic e la sua Mountain region al Museo etnografico del Friuli, alle 16.30 con Paulo Raposo e la sua Rovine in Piazza Venerio, alle 17.30 Sebastien Roux a Palazzo Manin e 10 Sinetones reaching 700 hz every 4 minutes. Tutti i giorni è inoltre visitabile la installazione The Dream di Della Marina e Zucchi presso Spazioersetti che inaugura alle 19 di sabato.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!