Storie di mulini e di eretici

30 Agosto 2016

PORDENONE. Si concludono mercoledì 31 agosto alle 17 al Parcobaleno di viale Martelli i laboratori per bambini e famiglie a cura di Julia Artico, per l’Estate in Città del Comune di Pordenone. Gli appuntamenti sono stati itineranti nel mese di agosto coinvolgendo i quartieri e anche Casa Serena. Il giorno di Ferragosto il laboratorio si è svolto come da tradizione al Museo di Storia Naturale. Questo ultimo appuntamento è dedicato a tutte le attività manuali che si possono realizzare utilizzando il filo. Una novità legata a un interesse che si fa sempre più vivo che riguarda il filo e le tecniche di lavorazione collegate agli antichi saperi. Sotto l’esperta guida di Julia Artico bambini e bambine, potranno fare i primi passi per realizzare collane e facili oggetti che appassioneranno grandi e piccini.

Catch a Fyah

Catch a Fyah

La seconda serata del Miv – Music in Village Estensioni di Gusto”, a cura di Complotto Adriatico con il sostegno di Provincia e Fondazione Crup chiude in bellezza l’Estate in Città portando in piazza XX Settembre due band pordenonesi che hanno saputo imporsi sulla scena musicale italiana e non solo: Mellow Mood e Catch a Fyah. Cambiano gli interpreti, ma rimangono i punti chiave che hanno caratterizzato la prima serata: Finger food festival con finger food e prodotti locali d’eccellenza, raccolta fondi in favore dei terremotati del centro Italia a cura del Comune di Pordenone e musica giovane di qualità.

A scaldare l’atmosfera dalle 19 ci penserà il Bom Chilom dj set. Poi la scena passerà ai Catch a Fyah giovane band pordenonese, formatasi nel 2010, con la passione per la musica in levare. Le diverse esperienze di ascolto dei componenti del gruppo, che spaziano dalla dancehall alla roots music passando per il newroots, si sono fuse in un sound unico e frizzante ricco di idee e varietà di stile. Nel dicembre 2010 registrano il loro primo E.P. di sei tracce presentato in vari palcoscenici e locali del triveneto. In due anni di attività live hanno avuto l’occasione di aprire concerti a musicisti e gruppi di rilevo come Wicked Dub Division, Mellow Mood, Ska-J, Raphael & The Eazy Skankers e Anansi; si sono inoltre esibiti per due anni consecutivi sul palco del “Carnevalanga” in occasione del carnevale di Venezia. Nel luglio 2012 hanno partecipato al “Pamali Festival” suonando prima di Alpha Blondy & The Solar System. Nel febbraio 2016 pubblicano l’album di debutto “Shine” per Alambic Conspiracy, prodotto da Paolo Baldini. Dentro “Shine” sono racchiuse le esperienze della band degli ultimi anni.

Mellow Mood

Mellow Mood

Seguirà l’attesa performance dei Mellow Mood, band pordenonese anch’essa legata a Paolo Baldini, che produsse l’album d’esordio Move! (2009) con i sue singoli, “Only You” e “Dance Inna Babylon”, che a oggi totalizzano complessivamente più di trenta milioni di visualizzazioni su YouTube. La band pordenonese, capitanata dai gemelli Jacob e L.O Garzia, vede ora Giulio Frausin (The Sleeping Tree) al basso, Antonio Cicci (ex Muiravale Freetown) alla batteria e Filippo Buresta alle tastiere (dal 2011). Sempre con Baldini registrano “Well Well Well”, disco intenso e raffinato in cui dimostrano di avere tutte le carte in regola per diventare protagonisti della nuova scena reggae italiana e internazionale: uscito nel 2012, sancisce il loro ingresso nella sezione internazionale de La Tempesta Dischi. Nel 2013 due singoli, “Dig Dig Dig” e “Extra Love”, anticipano “Twinz”, che vede collaborazioni internazionali (tra cui Richie Campbell, Sr. Wilson, Forelock e KG Man), l’album porta i Mellow Mood sui palchi dei più importanti festival reggae europei (Rototom Sunsplash, Summerjam, Sziget) e oltreoceano. A meno di un anno di distanza, “Twinz” svela il proprio gemello: “2 The World”, uscito ancora una volta per La Tempesta International e arricchito da collaborazioni nazionali (Forelock, Andrew I) e ospitate giamaicane (Tanya Stephens, Jah9, Hempress Sativa, Gideon & Selah).

Al termine di sessanta concerti in tutta Europa i Mellow Mood annunciano la creazione di una label interna a La Tempesta, La Tempesta Dub, la cui direzione artistica è a cura degli stessi Mellow Mood e Paolo Baldini, ora sound engineer della band anche durante i concerti dal vivo. La nascita de La Tempesta Dub viene celebrata con un mini-festival itinerante che vede la partecipazione di Forelock & Arawak (loro la prima release della neonata etichetta), Paolo Baldini e il suo progetto DubFiles, e ospiti internazionali (tra cui Jah9, Riche Campbell, Sr. Wilson e molti altri). “Twinz 2 The World” è l’ultima pubblicazione, edizione limitata per il mercato francese. Il recente tour estivo ha portato la band pordenonese in tutta Europa e nelle Americhe, dove sono annunciati tra gli headliner dei più importanti festival di genere.

b braidotti 2Alle 21 nell’arena verde del castello di Torre a Pordenone (o in Bastia in caso di maltempo) nell’ambito dell’Estate in Città, la Compagnia di Arti & Mestieri presenta lo spettacolo Il racconto dei mulini, di e con Bruna Braidotti e Romano Todesco alla fisarmonica. La rappresentazione è un viaggio nel tempo, dai monasteri d’epoca longobarda al mugnaio eretico del cinquecento Menocchio, raccontando la diatriba fra i mugnai e i padroni delle acque che le utilizzavano per la fluitazione del legname, la dominazione veneziana che ha spogliato i boschi del Friuli, la scomparsa nell’epoca industriale del mulino idraulico e l’affermarsi dell’energia elettrica con un altro stravolgimento delle acque e del territorio, arrivando fino agli attuali problemi energetici.

Il testo dello spettacolo è stato premiato come miglior opera italiana al concorso internazionale “La scrittura della differenza 2008” in quanto “la storia che ruota attorno a due sole figure sceniche riesce a restituirci le trasformazioni sociali del territorio del Nord-Est di Italia. Attraverso l’uso di vari registri linguistici il mulino diventa metafora di uno sviluppo economico controverso restituendoci una riflessione molto attuale sulle trasformazioni delle tecniche e il loro impatto sull’ambiente e sulle condizioni di vita delle persone”.

L’appuntamento fa parte della rassegna teatrale Teatri fuori dai teatri e della nuova edizione La scena delle donne. Ingresso a pagamento. Per informazioni e prenotazioni: Compagnia di Arti & Mestieri 043440115 – 3400718557.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!