In Siria distrutta un’eredità universale: conferenza

23 Aprile 2017

UDINE. Mercoledì 26 aprile, alle 17, in Torre di Porta Villalta – via Micesio, 2 – Udine (sede della Società friulana di archeologia), il dott. Marco Iamoni (Università di Udine) tratterà il tema: “Cancellare la memoria. Il patrimonio archeologico siriano: la distruzione di un’eredità universale”. 

La Siria è, ormai da diversi anni, teatro di scontri che oltre a causare la morte di decine di migliaia di persone, hanno danneggiato, in alcuni casi in maniera irreparabile, un patrimonio culturale di inestimabile valore. Pochi sono a conoscenza dell’importanza di quest’ultimo non solo per il Medio Oriente, ma anche per noi occidentali. Vi è, infatti, un filo conduttore unico che ha legato e lega società occidentali e orientali attraverso un percorso fatto di momenti di scontro ma anche, e forse soprattutto, di incontro. Questa conferenza illustrerà soprattutto questi ultimi, per mostrare come distanze geografiche e apparenti barriere culturali non abbiano impedito contatti che hanno generato alcuni dei momenti più fecondi e creativi dell’attività umana.

Condividi questo articolo!