Si ride con i Trigeminus per aiutare chi ha bisogno

18 Novembre 2017

Trigeminus

TOLMEZZO. È il quinto anno consecutivo che i club service Lions e Rotary di Tolmezzo, con il patrocinio del Comune di Tolmezzo e da quest’anno con il supporto dell’Ert e di Carniarmonie, organizzano uno spettacolo solidale a sostegno dei conterranei bisognosi, dei nuovi poveri della Carnia. Per cui l’intero ricavato anche quest’anno sarà convertito in generi alimentari e di prima necessità, consegnati alle famiglie bisognose grazie al supporto dell’Ass. n 3 “Alto Friuli”, della Caritas, della Croce Rossa e dell’Associazione San Vincenzo, da tempo impegnate in operazioni di contrasto a queste difficili problematiche.

L’appuntamento solidale è domenica 19 novembre alle 17 al Teatro Candoni di Tolmezzo, dove andrà in scena uno spettacolo di cabaret esilarante del mitico duo Trigeminus, i comici Mara e Bruno Bergamasco. La fortunata pièce, per la prima volta in Carnia, s’intitola “Ricette per l’anno nuovo”, ed è appunto un ricettacolo comico, pieno di buoni consigli e buone pratiche per un anno nuovo migliore, dove diversi personaggi nei più improbabili contesti, si trovano a ragionare insieme per progettare il futuro.

Teatro e risate, per stimolare attraverso questa iniziativa il sorriso e la bellezza di un gesto semplice, importante come l’aiuto concreto. Un’iniziativa promossa dai Lions e dai Rotary tolmezzini che si fa di anno in anno più partecipata, capace di ottenere un riscontro positivo contro questo male – le nuove povertà – sempre più diffuso e difficile da debellare. Nuove povertà significa giovani coppie, genitori, anziani, disoccupati, impossibilitati a far fronte agli impegni economici del vivere sociale.

Fino ad ora, dal 2013, sono stati raccolti circa 20.000 euro, convertiti in beni primari e consegnati a coloro che ne hanno necessità. I biglietti sono disponibili all’edicola “Il Fiammifero” in via Matteotti a Tolmezzo. Sarà inoltre possibile acquistarli anche il giorno dello spettacolo, a partire dalle 16 alla biglietteria del Teatro Candoni.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!