Si conclude il progetto Effetto Mozart con l’ultimo concerto

22 Giugno 2021

La violinista Sonig Tchakerian (Foto DeFrenza)

MONFALCONE. La Stagione Musicale del Teatro Comunale di Monfalcone prosegue, venerdì 25 giugno alle 20.15, con l’ultimo appuntamento di “Effetto Mozart”, il progetto triennale del Teatro monfalconese che ha previsto l’esecuzione di tutto il repertorio mozartiano per violino e orchestra, nell’interpretazione della violinista di origine armena Sonig Tchakerian e dell’Orchestra di Padova e del Veneto. I Concerti per violino sono stati composti tutti nel 1775 a Salisburgo, quando il diciannovenne Mozart era ancora al servizio del vescovo Colloredo, ma aveva come punti di riferimento i modelli della tradizione italiana con cui era venuto in contatto nei suoi viaggi: i Concerti di Tartini e Nardini.

Il programma monfalconese prevede il Concerto n. 2 K 211, fra i meno conosciuti perché poco virtuosistico, tanto che nella prima edizione recava la dicitura “Concerto facile”, anche se qui Mozart sfrutta appieno la cantabilità del violino, spinta fino alle posizioni più acute. Ben più elaborato e imponente il Concerto n. 5 K 219, opera fra le più popolari ed eseguite del compositore austriaco. A impreziosire i due Concerti, ancora una volta, sono le cadenze scritte appositamente per questo progetto da Giovanni Sollima. Completa il programma la Sinfonia n. 10 in sol maggiore K 74.

Orchestra di Padova e del Veneto (Foto Carlo Bonazza)

Sonig Tchakerian vive l’infanzia ad Aleppo, dove inizia a suonare il violino con il padre. Studia quindi con grandi maestri, molto diversi fra loro, come Guglielmo, Accardo, Gulli e Milstein. Premiata al Paganini di Genova, all’Ard di Monaco di Baviera e al Gui di Firenze, per citarne soltanto alcuni, vanta una ricca discografia che spazia dalle Sonate e Partite per violino solo di J. S. Bach ai Capricci di Paganini, dalle Stagioni di Vivaldi all’integrale dei Concerti di Haydn, dai Trii di Beethoven, Schumann e Schubert all’integrale per violino e pianoforte di Ravel. Direttore artistico delle Settimane Musicali del Teatro Olimpico di Vicenza, ha esplorato le più diverse forme d’espressione (musica elettronica, jazz, poesia, prosa) ed eseguito in prima assoluta le opere, composte per lei, di autori del calibro di Bacalov, Boccadoro, Campogrande, Dall’Ongaro, Perocco e Sollima, fra gli altri. Suona un magnifico Gagliano (Napoli, 1760).

Biglietti in vendita: Biglietteria del Teatro, Ert di Udine, prevendite Vivaticket e online su www.vivaticket.it. La Biglietteria del Teatro accetta prenotazioni telefoniche (tel. 0481 494 664, da lunedì a sabato, dalle 17 alle 19); è possibile acquistare i biglietti utilizzando i voucher emessi a conclusione della Stagione 2019-2020.

Condividi questo articolo!