Settimana della composizione al Conservatorio Tartini

6 Maggio 2018

TRIESTE. Al via lunedì 7 maggio la seconda edizione della Settimana della composizione, in programma fino al 10 maggio al Conservatorio Tartini di Trieste, a cura del Dipartimento di nuovi linguaggi. L’iniziativa nasce per valorizzare la Scuola di Composizione del Conservatorio, di altissima tradizione, e al tempo stesso la tradizione compositiva di Trieste e le radici multiculturali della città, ponte fra culture anche oltreoceano. Tutti gli eventi saranno in Sala Tartini e saranno aperti come sempre alla città, maggiori informazioni sul sito Internet del Tartini www.conservatorio.trieste.it, telefono 040-6724911.

Stefano Gervasoni

A fare da Cicerone in questa settimana, il docente Stefano Gervasoni del Conservatoire National Supèrieur de musique et de danse de Paris che spiega: «Il rapporto musica-testo. Musica vocale, suono-senso, integrazione del testo a un progetto musicale, “semantizzazione” della musica strumentale. La scelta di un poema destinato alla composizione musicale risponde a motivazioni insondabili. Tuttavia, mi sembra possibile identificare tre aspetti che concorrono alla definizione delle mie scelte: la qualità intrinseca del poema, il valore potenziale del suo possibile adattamento musicale e infine le sue specifiche caratteristiche sonore. Questi tre aspetti, fortemente intrecciati, costituiscono una rete da cui derivano le molteplici intenzioni del compositore; la consapevolezza del loro equilibrio, al momento della composizione, ha un forte impatto sulla forma finale del lavoro musicale. Cercherò di illustrare questo concetto basandomi sulla genesi di alcune delle mie opere vocali e di altre puramente strumentali nelle quali agisce una sorta di processo di vocalizzazione o di “semantizzazione” della musica».

Lunedì 7 maggio si inizia alle 10:30 con le prove aperte di Stefano Gervasoni e nel pomeriggio alle 16 la prima parte del corso “Stefano Gervasoni o della semantizzazione della musica strumentale”. Si prosegue poi con la visita alle installazioni sonore allestite nello Studio di registrazione, a cura della Scuola di musica e nuove tecnologie. la prima giornata si conclude alle 19 con il Concerto “Passages”, a cura delle Scuole di Composizione e di Musica e Nuove Tecnologie: musiche di Stefano Gervasoni, Fabio Nieder, Filippo Perocco e Jean Claude Risset con con Stefano Cascioli Birgit Karoh Snezana Acimovic Alessandro Barile.

Martedì 8 maggio dalle 11 il primo Workshop di Stefano Gervasoni con giovani compositori e allievi del Conservatorio (il secondo alle 17) e alle 15 “Dem Doppelgänger in memoriam” con il docente Fabio Nieder. Alle 19 Concerto “Silenzio – Visioni”: musiche e videocomposizioni degli allievi della Scuola di musica e nuove tecnologie e di Paolo Pachini e Roberto Doati. La giornata di mercoledì 9 maggio si apre alle 11 con la seconda parte del corso “Stefano Gervasoni o della semantizzazione della musica strumentale”. Alle 15 il terzo Workshop di Stefano Gervasoni con la partecipazione di Matej Bonin, Fabio Nieder e Uroš Rojko (Accademia di musica di Lubiana). Ultimo appuntamento giovedì 10 maggio alle 11 con la terza parte del corso ”Stefano Gervasoni o della semantizzazione della musica strumentale”.

Condividi questo articolo!