Serie d’incontri nella Bassa per il Giorno della Memoria

23 Gennaio 2018

CARLINO. La Cooperativa sociale Itaca promuove dal 25 al 30 gennaio 12 appuntamenti nella Bassa friulana per il Giorno della Memoria, che coinvolgeranno le comunità di Carlino (25 e 27 gennaio), Ronchis (26 gennaio), Porpetto (26 e 27 gennaio), Torviscosa (26 gennaio), Muzzana (26 e 27 gennaio) e Marano (29 e 30 gennaio). L’obiettivo è ricordare, soprattutto ai giovani, “Il valore della Memoria” e non dimenticare le vittime di tutte le atrocità commesse nel corso della 2^ Guerra Mondiale dai nazifascisti. Testimonianze, laboratori, visioni e prospettive nei Centri di aggregazione giovanile, nelle scuole, biblioteche e comunità con la preziosa partecipazione di Emo Giandesin, classe 1921, sopravvissuto al campo di concentramento di Dachau.

Emo Giandesin

Coinvolti circa 230 studenti di tutte le 14 classi dell’intero ciclo della secondaria di primo grado delle scuole “G. Carducci” di Carlino, “G. A. Pirona” di Muzzana, “A. Vespucci” di Marano, “G. Guareschi” di Porpetto e “IV Novembre” di Torviscosa e la Comunità educativa diurna di Itaca Tal Grim a Ronchis. Come sedi degli incontri sono stati scelti spazi educativi e formativi, per affrontare in un clima informale i temi della Shoah e dei crimini compiuti dal nazifascismo, la tragedia dei campi di sterminio e le discriminazioni razziali, la repressione politica e le persecuzioni nei confronti non solo di milioni di ebrei, ma anche di rom, sinti, omosessuali, disabili, testimoni di Geova, comunisti e altri dissidenti politici.
Il programma per il Giorno della Memoria, elaborato dallo staff degli educatori della Cooperativa Itaca impegnati nei Centri di aggregazione giovanile di Carlino, Marano, Muzzana, Porpetto e Torviscosa e della comunità educativa diurna Tal Grim di Ronchis, vedrà in alcuni appuntamenti la testimonianza di Emo Giandesin sopravvissuto al campo di concentramento di Dachau. Classe 1921, residente a Carlino ma originario di Motta di Livenza, Giandesin fu fatto prigioniero durante un rastrellamento tedesco e venne deportato giovanissimo a Dachau.

Il ciclo di appuntamenti “Il valore della Memoria”, che vede nel partenariato organizzativo oltre ai cinque Cag e a Tal Grim anche il Consiglio comunale dei ragazzi di Muzzana e quello di Torviscosa, sarà per gli studenti non solo un’occasione di approfondire la storia del proprio paese, ma soprattutto per condividere emozioni e stati d’animo, “perché – spiegano gli educatori di Itaca – è solo nell’informalità e semplicità di un racconto, riferito magari con voce tremula e a volte interrotta, che cadono le barriere generazionali favorendo la condivisione di conoscenze ed esperienze, anche drammatiche, tra giovani ed anziani”.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!