Secondo incontro sul clima di Giovani Volontari in Azione

13 Aprile 2020

TRIESTE. “Giovani Volontari in Azione” è un progetto nato da un’idea dell’Associazione Mondo 2000 e di altri undici partner del Terzo Settore regionale, dall’esperienza di “Open Door. Conosco, Capisco, Imparo: percorso di avvio al volontariato di giovani tra i 16 e i 19 anni”, finanziato dal Ministero del Lavoro. Oggi “Giovani Volontari in Azione” , che gode del sostegno della Regione, intende portare a conoscenza dei giovani della nostra regione, soprattutto nella fascia d’età 16-19 anni, le diverse realtà nelle quali essi vivono e studiano, stimolando quel desiderio di intervento nella soluzione di problemi legati al loro territori. Obiettivo principale è incentivare un passaggio all’azione riducendo la passività dei giovani verso le problematiche, aiutandoli a essere artefici di un cambiamento attraverso la progettazione fatta da loro stessi per il territorio.

I partecipanti al primo Hub

Come? Con l’attivazione di alcuni Hub tematici, intesi come incubatori di idee. Ciascuno degli Hub è articolato in tre-quattro incontri nel corso dei quali i ragazzi, assieme ad alcuni esperti e a un designer (coordinatore) trattano diversi temi e trovano dei modi per sviluppare una soluzione alle problematiche del proprio territorio. Ogni tema è affrontato in step: presentazione dell’argomento, brain storming pilotato con la partecipazione e predisposizione del progetto. La modalità originaria degli Hub era dal vivo, ma le necessità imposte dal Covid-19 hanno ridisegnato i modi di incontro, spostandoli sulla piattaforma Zoom, senza intaccarne la sostanza. L’opportunità di questo periodo ha dato ancora più slancio al progetto, in quanto i ragazzi riescono a imparare un nuovo modo di lavorare incontrando amici e colleghi per far sbocciare nuove idee concrete.

Il primo Hub era dedicato al tema del Clima. La prima riunione ha messo allo stesso tavolo “virtuale” ragazzi, rappresentanti del mondo del volontariato ed esperti del tema tra i quali Silvia Stefanelli, esperta di cambiamenti climatici e in particolare di foreste e clima a livello europeo, Tiziana Sandrinelli e Germana Bodi, rispettivamente Presidente regionale e delegata Ambiente Fvg del Fai – Fondo Ambiente Italiano. Il secondo incontro dell’Hub Clima si terrà giovedì 16 aprile alle 14.30, ed è aperto a rappresentati di enti e istituzioni o aziende toccate dal tema. Per partecipare, è sufficiente inviare la richiesta a mondo2000@uwcad.it. Ha già dato la sua adesione Andrea Cicogna, dell’Arpa Fvg, che darà un contributo su “Clima e cambiamento climatico in Fvg: evidenze e possibili impatti”.

I primi suggerimenti sui quali i ragazzi stanno lavorando sono quelli legati alla necessità di progetti che ci inducano a ripensare ai nostri stili di vita e progetti informativi che aiutino individui e comunità a mettere in atto scelte alimentari a basso impatto, perché anche le nostre abitudini alimentari hanno un forte impatto sul clima e sull’ambiente. Al motto di “Feed your ideas!” gli spunti provenienti dalle riflessioni dei ragazzi e dagli interventi degli ospiti sono condivisi sulla pagina Facebook “Giovani Volontari in Azione” e sul profilo Instagram “@giovanivolontariinazione”. Il confronto con diversi soggetti che siedono in una situazione di parità all’interno dell’Hub favorisce il confronto di idee in una dimensione interdisciplinare che diventano la chiave vincente di progettazioni di successo. Una skill importante che i giovani partecipanti, potranno portarsi dietro anche in una futura dimensione lavorativa, non solo di vita.

Il prossimo Hub, che si terrà indicativamente nel corso nei mesi estivi, vuole portare i ragazzi a confrontarsi sul tema dell’Isolamento nelle sue diverse dimensioni. Il progetto è realizzato da Mondo 2000 (capofila) insieme a Associazione Comunità e Famiglia Fvg; A.Fa.So.P. NoiInsieme onlus; Asd Trieste Atletica; Associazione Volontari per i Giovani e lo Scoutismo; Comunità Dinsi une Man; Idealmente; Il Sogno di Giulia; Kallipolis; TriesteAltruista; Liceo Scientifico Statale “France Prešeren”; Collegio del Mondo Unito dell’Adriatico; Hope For.

Condividi questo articolo!