Scoprire i borghi più belli anche attraverso la musica

27 Ottobre 2018

VALVASONE. Secondo appuntamento con i Borghi più belli del Friuli Venezia Giulia, domenica 28 ottobre alle 20.30 per il Polifonico S. Antonio Abate diretto da Monica Malachin che si esibirà nel Duomo del SS Corpo di Cristo a Valvasone. Il concerto rientra nella programmazione Florilegium Vocis, progetto realizzato col sostegno di Regione, Fondazione Friuli, Usci Fvg in collaborazione coi Borghi più belli d’Italia all’insegna dello slogan “vivere il Friuli Venezia Giulia cantando”. Lo scopo è puntare l’attenzione sulle piccole perle da scoprire in regione. “Con questo progetto – sottolinea la presidente Lorella Santarossa – il Polifonico S. Antonio Abate vuole farsi testimonial di bellezze naturali, luoghi monumentali e sapori e della nostra regione. Analogamente, anche il repertorio proposto valorizzerà produzioni musicali originali e di raro ascolto”.

A rappresentare, nel programma il romanticismo con grande contrasto di colori, il tedesco F. B. Mendelssohn (Richte mich Gott). Ricca la sezione contemporanea nella quale gli autori – gli italiani Ivo Antognini e Roberto de Marino, il norvegese Gjeilo, lo statunitense Stroope, l’ungherese Kodály – mettono in musica il mondo in cui viviamo, con le sue contraddizioni. Andando alla ricerca di un suono nuovo e di una nuova spazialità, creano una commistione tra linee arcaiche e impianti armonici arditi, sottolineando le atonalità.

Il brano An irish blessing, arrangiato da J.E. More, è stato invece scelto dal patrimonio tradizionale irlandese. Ad aprire il concerto Les Sept Paroles du Christ sur Croix di Charles Gounod (1818 – 1898) in occasione del bicentenario della nascita dell’autore. L’opera sacra, divisa in otto brani, descrive le ultime sette parole del Cristo morente. Il tutto anticipato da un prologo che introduce gli ultimi momenti della Passione. In essa Gounod utilizza i ricordi musicali del suo viaggio nella Città del Vaticano, riproponendo quel contrappunto tipico della musica palestriniana unito alle armonie del Romanticismo.

Il Polifonico, diretto da Monica Malachin, partirà poi per una breve tournée (1 – 4 novembre) in Andalusia, che toccherà le città di Siviglia, Cordoba, Granada e Malaga. Anche questa trasferta rientra nel programma annuale, approvato e sostenuto della Regione, come occasione per far conoscere il territorio fuori dai confini nazionali, nell’ottica di uno scambio culturale. I cori spagnoli presto ricambieranno la visita, avendo così modo di apprezzare le specialità enogastronomiche regionali, nonché le sue bellezze naturali e artistiche.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!