Sarà la Carmen ad aprire la stagione al Verdi Pordenone

17 Ottobre 2019

PORDENONE. “Carmen”, la cui forza primigenia ci viene trasfusa grazie alla meravigliosa musica di Bizet, è l’opera celeberrima e immortale che segna l’appuntamento con la grande lirica in programma venerdì 18 ottobre alle 20.15, ad avvio della Stagione 2019/2020 del Teatro Verdi di Pordenone, curata dal maestro Maurizio Baglini per il cartellone musicale. Questo nuovo allestimento della Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste rende attuale una delle opere più famose in assoluto. La storia di Carmen, donna passionale, di grandioso temperamento si svolge fra le quinte dove il turbine della vita spazza il palcoscenico e trascina i protagonisti in una relazione devastante. Tra soldati, zingari, danze, al centro sta lei, viva, vitale, amante e amata, resa immortale dalla musica di Bizet.

“Carmen” è un capolavoro tra i più rappresentati al mondo che racchiude un senso di persistente contemporaneità. Attuale, trascinante e avvincente, l’Opéra comique in quattro atti di Henri Meilhac e Ludovic Halévy, dall’omonima novella di Prosper Mérimée è firmata in questo allestimento dell’Ente lirico triestino dalla regia di Carlo Antonio De Lucia, che ha ideato anche le scene assieme ad Alessandra Polimeno. e diretta da Fabrizio Maria Carminati, maestra del coro è Francesca Tosi mentre i costumi portano il nome di Svetlana Kosilova e le coreografie di Morena Barcon. Attesa anche la partecipazione del coro “I Piccoli cantori della città di Trieste” diretto da Cristina Semeraro. A interpretare Carmen la cantante Ketevan Kemoklidze, Gaston Rivero ha, invece, il ruolo di Don Josè.

Sempre nella giornata di venerdì, alle 18, nel foyer al terzo piano del teatro, prima dell’apertura del sipario, in programma un appuntamento introduttivo affidato al Direttore del Messaggero Veneto Omar Monestier: l’”Aperitivo del direttore” accoglierà il pubblico dell’opera per illustrarne il contesto storico e musicale e il suo rapporto con l’attualità.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!