Sanremo, film sulla demenza senile ambientato in Fvg

15 Febbraio 2020

UDINE. Sanremo, un delicato film d’autore, una storia d’amore dolce-amara tra due persone affette da Alzheimer sulle note di “Non ho l’età” di Gigliola Cinquetti. Bruno, anziano e affetto da demenza senile, è ospite di una casa di riposo. Qui incontra Duša, una signora con la sua stessa malattia, della quale si innamora ogni giorno, e ogni sera se ne dimentica.

Prodotto dalla slovena Filmostovje e co-prodotto dalla friulana Quasar Multimedia con la regia dell’affermato Miroslav Mandić e la fotografia del pluripremiato Peter Zeitlinger, il film racconta attraverso il linguaggio cinematografico il perenne sentimento di impotenza di una persona affetta da demenza senile, ma anche l’infantilità che riaffiora nella vita di una persona quando non è più in grado di prendersi cura di sé stessa. E’ stato presentato in conferenza stampa al Cinema Visionario di Udine alla presenza del regista e produttore Mandić, da Peter Zeitlinger, della Film Commission Friuli Venezia Giulia, del Fondo Audiovisivo Friuli Venezia Giulia e di Quasar Multimedia, Sanremo è ambientato in Friuli Venezia Giulia.

Le riprese, durate 28 giorni, da luglio 2019 a febbraio 2020, hanno toccato diverse località della regione: Giassico (Cormòns), Vernasso, Prepotto, San Vito al Torre, i Laghi di Fusine e i dintorni di Tarvisio. Alcune inquadrature ci portano, poi, anche tra i paesaggi del confine italo-sloveno: a Branik e all’Icy Kingdom di Mojstrana. In Italia, il film è stato finanziato da Friuli Venezia Giulia Film Commission, Fondo Audiovisivo Friuli Venezia Giulia e MiBact. In Slovenia, è stato co-prodotto da Radio Televizija Slovenija (Rtv Slovenia), ha ottenuto il sostegno dallo Slovenian Film Center (Sfc) e il contributo in servizi di Filmski Studio Viba Film. Sanremo sarà ultimato nell’autunno 2020.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!