Salute e cure sono un diritto, specie per i bimbi Evento a Trieste per saperne di più

18 Novembre 2021

TRIESTE. Oggi, i bambini, le bambine, le ragazze e i ragazzi, quando devono ricorrere alle cure in ospedale, in ambulatorio, dal pediatra… sono accompagnati da mamma e papà, a volte da nonni e nonne. Non di rado zii, zie, fratelli, sorelle, amici, compagni, durante l’accoglienza in ospedale, possono visitarli e aiutarli a riempire di significato i tempi vuoti del ricovero. Se oggi qualcuno dicesse loro che non possono essere accompagnati o ricevere visite, che i loro cari non possono restare nei momenti dell’inciampo, grande o piccolo, per la propria salute, come minimo, li guarderebbero “storti”. Oggi essere accompagnati e ricevere visite, è quindi un diritto che completa e integra le cure. Spesso è determinante per l’efficacia delle cure. Il cambiamento in Italia e a Trieste in particolare è stato avviato negli anni ’70 e nel 1989, il 20 novembre a New York, è stata adottata dall’Onu la Convenzione sui Diritti dell’Infanzia.

Eppure, meno di 50 anni fa, tutto questo e molto altro, non erano diritti. In molte parti del mondo, ancora oggi, non è un diritto garantito accedere a cure che permettono di crescere nel modo migliore, non è un diritto accessibile, a tutte e a tutti, bere e mangiare a sufficienza, andare a scuola, istruirsi, vaccinarsi, essere protetti dal freddo o dal caldo, avere una casa, contare su servizi sanitari raggiungibili. È così che molti crescono ’storti‘. Chi è ’storto‘, vede i propri diritti ancor più compromessi e ridotti. Questo accade anche nei Paesi più fortunati e più benestanti.

L’Irccs Burlo Garofolo e i Laboratori della Cura delle Professioni Sanitarie, la rete di Diritti & Storti, grazie all’ospitalità del Comune di Trieste nel Polo Giovani “Enrico Toti” in piazza della Cattedrale 4/a, dalle 16.30 alle 19 di domani 19 novembre organizzano un pomeriggio di attività ludiche e di animazione per imparare il Diritto alla Salute e alla Cura… giocando, ascoltando, ballando. Collaborano le associazioni Astro, La scuola in ospedale, Io Tifo Sveva, Abc e molti altri amici e amiche del Burlo. «Daremo il benvenuto – spiega Livia Bicego, Direttore della Struttura Complessa Direzione Professioni Sanitarie del Burlo – con una favola sul diritto a essere accolti, giocheremo con i clown parlando del diritto a non farsi male, ascolteremo l’orchestra per il diritto a sentire, faremo sport con il karate per dire del diritto al movimento, lavandoci i denti parleremo del diritto alle cure fondamentali, ballando il tip tap racconteremo di cure senza dolore e distraenti. Incontreremo, per il diritto a cure che completano, i nostri ’amici pelosetti‘ perché dal 9 agosto 2021, al Burlo Garofolo, quando si è accolti in ospedale, grazie al Laboratorio delle professioni sanitarie per le cure complementari, è un Diritto per tutti, Diritti & Storti, ricevere la visita del proprio amico a quattro zampe».

L’ingresso all’evento avverrà attraverso l’accesso di Via del Castello 1-3. Per motivi di sicurezza e legati alla pandemia Covid, gli ingressi saranno contingentati e quindi per partecipare è necessario preiscriversi inviando una mail a: dirprofsan@burlo.trieste.it Le iscrizioni saranno accolte entro le 13 del 19 novembre.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!