Ronchi: forte partecipazione ai due incontri con la politica

17 Febbraio 2022

Carlo Bartoli con Alessandra Guerra

RONCHI DEI LEGIONARI. Si è conclusa la prima edizione della rassegna “Appuntamento con la politica” dell’associazione culturale Leali delle Notizie. Due incontri incentrati su temi di carattere nazionale quali la lotta contro il fascismo e l’idea del Federalismo in Italia, nata ancora nel lontano XIX secolo. Entrambi gli appuntamenti di venerdì 4 e venerdì 11 febbraio si sono tenuti al Consorzio di Bonifica del Venezia Giulia a Ronchi dei Legionari e hanno attirato una forte partecipazione.

La presentazione del libro Cattaneo o Bonaparte? Una proposta federalista mancata di Alessandra Guerra ha suscitato un grande interesse da parte del pubblico per un tema che coinvolge non solo la nostra Regione, ma tutto il territorio nazionale. Nel suo libro, pubblicato l’anno scorso dalla casa editrice Bonanno, Alessandra Guerra si interroga sul perché l’Italia non sia diventata uno stato federale. L’autrice si chiede se ci sia stato un dibattito talmente avvincente da riuscire a coinvolgere tutti gli schieramenti politici presenti nel Parlamento e se siano davvero state accolte tutte le proposte anche quelle di chi governa i territori più periferici dell’Italia. L’autrice, Presidente del Friuli Venezia Giulia tra il 1994 e il 1995, ha affermato che per fare politica al giorno d’oggi bisogna formarsi e studiare continuamente, per guidare con giudizio i cittadini e per rispettarli. L’incontro è stato moderato da Carlo Bartoli, Presidente Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti. È intervenuto anche il Senatore Ferruccio Saro, autore della prefazione del libro. Dal 14 gennaio 1992 al 4 agosto 1993, Saro è stato vicepresidente della Regione Fvg e Assessore all’Industria per il Partito Socialista Italiano nella Giunta di Vinicio Turello (Democrazia Cristiana). Dal 22 marzo 1993 è stato Assessore regionale al Lavoro, Cooperazione e Artigianato.

Ferruccio Saro

Carlo Bartoli è stato accolto venerdì pomeriggio dal sindaco di Ronchi dei Legionari Livio Vecchiet e si è complimentato con Leali delle Notizie che, in pochi anni e con grandi risultati anche a livello nazionale, ha dato vita a un grande Festival del Giornalismo in una piccola cittadina. Bartoli ha inoltre sottolineato l’importanza dell’azione dell’associazione che, dal 2015, lotta per la difesa dell’articolo 21 della Costituzione italiana.

Il 4 aprile a Bergamo si terrà un processo contro chi ha minacciato di morte Paolo Berizzi, l’unico giornalista in tutta Europa a vivere sotto scorta a causa delle intimidazioni subite da parte di gruppi neofascisti italiani. In quell’occasione l’Ordine dei Giornalisti assieme alla Federazione Nazionale della Stampa Italiana si costituirà come parte civile e pure l’associazione Leali delle Notizie si schiererà a fianco del giornalista minacciato, continuando a sostenerlo nella sua battaglia contro il neofascismo.

Condividi questo articolo!