Romanzo di Renzo Peressini Spaccato di vita medievale

29 Settembre 2020

UDINE. Nell’ambito della manifestazione «Incontri di musica arte e storia», venerdì 2 ottobre alle 18 nella chiesa della B.V. della Purità avrà luogo la presentazione del romanzo Il testamento di donna Cataruzza di Renzo Peressini, edito dal Circolo culturale Menocchio di Montereale Valcellina.

Donna Cataruzza è una persona realmente esistita nel XIV secolo, e intorno al suo lascito testamentario ruotano tutte le vicende del romanzo, imperniato sulle fonti documentarie, tuttora consultabili, presenti negli archivi della parrocchia e della biblioteca di Spilimbergo, negli Archivi di stato di Udine e Pordenone. La base documentaria abbraccia un secolo di storia tra Spilimbergo, Udine e Cividale, nel Friuli patriarcale e veneto. L’autore ha contestualizzato eventi e fatti realmente accaduti, con precisi riscontri cronologici, con una forma narrativa che rende accessibile il mondo medievale nelle persone e nei loro profili, nella vita quotidiana, del costume e dei sentimenti familiari. Il romanzo costruisce il modus vivendi dell’epoca nei suoi vari aspetti, esulando dalla primitiva stesura impersonale del documento d’archivio, immergendo il lettore in un appassionato intrigo di fatti e vicende.

Renzo Peressini da diversi anni si dedica a ricerche d’archivio sulla storia e cultura locali, con particolare attenzione ai documenti spilimberghesi. Collabora in modo continuativo con «Il Barbacian», periodico della Pro Spilimbergo, e suoi saggi sono presenti nelle tre riviste della Società Filologica Friulana, negli «Atti dell’Accademia San Marco di Pordenone», nelle «Memorie Storiche Forogiuliesi» e in altre riviste locali. Diverse le pubblicazioni in volume. In particolare, nella collana «Tra storia e narrazione» del Circolo culturale Menocchio di Montereale Valcellina ha pubblicato Marcolina e le altre. Le streghe di Spilimbergo nei processi dell’Inquisizione (2007, ristampa 2018); … più tosto heretico che buon christiano. L’Inquisizione contro il notaio friulano Paolo Vasio (2009) e Angelo Adalardis pievano di Spilimbergo (1533-1566) (2011). Sua anche l’edizione del Baptizatorum liber. Il primo registro dei battesimi di Santa Maria Maggiore di Spilimbergo (1534-1603), edito nel 2015 dall’Accademia San Marco di Pordenone. Ha curato, di prossima uscita, la regestazione di tutte le pergamene conservate nell’archivio della parrocchia di Spilimbergo.

L’autore sarà introdotto da Maria Beatrice Bertone e presentato da Nico Cappelletti. Interverrà Aldo Colonnello del Circolo culturale Menocchio. In ottemperanza alle prescrizioni Covid, i posti a sedere sono 40. Sono obbligatori l’uso della mascherina e l’igienizzazione delle mani.

Alle 17 è stata organizzata una visita guidata della chiesa e alle opere di Gianbattista Tiepolo a cui potranno partecipare gli ospiti che lo desiderano.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!