Rivisti al rialzo i posti al Verdi per Pnlegge Da martedì si riapriranno le prenotazioni

13 Settembre 2020

PORDENONE. Fondazione Pordenonelegge comunica che, a seguito della riunione del Cposp (Comitato Provinciale Ordine e Sicurezza Pubblica), la capienza del Teatro Verdi è stata ampliata da 200 a 360 posti per gli incontri di pordenonelegge 2020, sempre nel massimo rispetto delle norme di distanziamento previste a seguito della pandemia Covid 19. Sarà quindi possibile accedere a una “last call” di prenotazione per i posti ancora liberi negli incontri calendarizzati al Teatro Verdi e in alcune ulteriori location fra mercoledì 16 e domenica 20 settembre. Disponibili, quindi, anche diversi posti per l’evento inaugurale di mercoledì 16 settembre, la lezione sul tema della “Fratellanza” del saggista e psicoanalista Massimo Recalcati, in programma al Teatro Verdi alle 18.30, accessibile anche in streaming sulla Pnlegge Tv e sui social di Rai Cultura.

La modalità per prenotare è semplicissima: nella giornata di martedì 15 settembre chiunque potrà accedere al sito del festival, pordenonelegge.it, posizionandosi, nell’area del programma, sugli eventi ancora prenotabili, per i quali si visualizzerà il tasto nero con la scritta “prenota”. Sarà facile così perfezionare la propria prenotazione, per la quale arriverà conferma a prenotazione avvenuta e a seguire arriverà l’assegnazione del posto a sedere. Si ricorda che grazie alla Pnlegge Tv tutti potranno seguire il festival in presa diretta, da mercoledì 16 settembre, semplicemente cliccando sul link https://www.pordenonelegge.it/tv Sono previsti ogni giorno da 5 a 6 incontri in video diretta streaming, oltre a molti incontri in rapida differita e a contenuti extra e interviste con i protagonisti.

Pordenonelegge 2020, a cura di Gian Mario Villalta (Direttore artistico), Alberto Garlini e Valentina Gasparet, è promosso da Fondazione Pordenonelegge con la Regione, la Camera di Commercio di Pordenone e Udine, il Comune di Pordenone, Fondazione Friuli, Cinemazero e Crédit Agricole FriulAdria.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!