Il ritorno di Jack Calcagno in uno spettacolo di equivoci

28 Giugno 2016

SACILE. “JACK CALCAGNO, UN AMERICANO A TRIESTE” è il titolo dello spettacolo creato ed interpretato da Leonardo Zannier insieme ad Antonio “Tony” Kozina al pianoforte, che aprirà il segmento cittadino di “Scenario d’Estate”, in programma giovedì 30 giugno in Borgo San Gregorio a Sacile. Dopo il successo sold-out delle due serate teatrali nella verde contrada di Vistorta, la stagione en-plein-air del Piccolo Teatro Città di Sacile si sposta infatti in centro storico, con la seconda parte della programmazione, nell’ambito degli eventi estivi promossi dall’Amministrazione comunale.

JACK CALCAGNO_di e con Leo Zannier_0002Originale, brillante, arguto, il “forestiero” Jack Calcagno, sorta di “emigrante di ritorno” dai Casinò del Nevada a Trieste, si muove tra spunti musicali del grande repertorio a stelle e strisce e incredibili malintesi causati dalle strane usanze locali, che, complice anche un utilizzo disinvolto del dialetto come “lingua madre”, finiscono spesso per metterlo in ridicolo. Ma se a Jack la vita del cantante di Casinò andava un po’ stretta, l’impatto con gli eccentrici abitanti di questa bizzarra città non risulta meno stravagante del rutilante mondo del gioco d’azzardo, degli show dalle insegne sfavillanti, dei palcoscenici luccicanti di paillettes. E se il suo italiano non è perfetto, pazienza! Lo strano accento rende più esotica la sua presenza in città, intrufolandosi nelle più disparate situazioni, senza rinunciare però al suo amore per i grandi musical, lo swing, le canzoni di Sinatra, Gershwin, Cole Porter, e il grande sogno americano.

Inizio spettacolo alle ore 21.15. In caso di maltempo, riparo al Teatro Ruffo (piazza duomo). Biglietto unico 5 euro, gratuito per i ragazzi fino a 12 anni.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!