Come “riprendersi” la vita in un libro di Maurizia Venir

2 Novembre 2016

UDINE. Maurizia Venir presenta il suo libro “La sedia sul tavolo”, venerdì 4 novembre alla Libreria Friuli di Udine. La speranza che ha motivato la scrittura di questo libro si radica nella certezza, inappellabile, che bisogna trarre profitto da ogni esperienza, e soprattutto dalle più dolorose. Da qui nasce l’idea di non voler confinare l’esperienza della sofferenza dentro le mura di casa o di un gruppo di auto mutuo aiuto, ma di uscire dal ghetto per riprendersi la vita, come essere stati in un campo di concentramento dove ci si è nutriti solo di bucce di patate.

lasediasultavoloUn giorno, finalmente, nasce il desiderio di mangiare due patate al forno, tenere e saporite come, talvolta, può e deve essere la vita. Per fronteggiare il dolore, il libro contiene brevi storie, scritte a volte col cuore a volte con l’intelligenza dell’ironia. La parte finale del volume è dedicata al racconto della storia decennale del gruppo di Pordenone che ha per nome “Aiutiamoci a vivere” , gruppo in cui ogni partecipante ha cercato di trasforma il disagio in risorsa. Il risultato finale del libro è stato una scrittura profonda e introspettiva che prova a fare luce sulla sofferenza come esperienza inevitabile e come possibilità di crescita dell’uomo.

Maurizia Venir nata a Udine nel 1954, è impiegata nella pubblica amministrazione. Si è diplomata in studi tecnici commerciali; è appassionata di archeologia e di geopolitca. Fino ad ora, mai aveva pubblicato un libro. Curatore del libro è Antonio Loperfido, psicologo-psicoterapeuta del Dipartimento di Salute Mentale di Pordenone. È docente a contratto alla facoltà di medicina e chirurgia dell’Università di Udine. Formatore e supervisore sia di gruppi di Auto Mutuo Aiuto sia di operatori dell’emergenza. Ha curato il libro Spezzarsi la vita (2001), finanziato dal Ministero della sanità. Ha pubblicato Il coraggio del dolore (Armando, 2008); Tienimi per mano. La Relazione terminale nell’esperienza di un hospice (Dehoniane, 2014), La metamorfosi della sofferenza (Dehoniane, 2004 e 2014); Il coraggio della felicità (Sabinae, 2016).

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!