Riprende l’ippoterapia per i disabili del Piccolo Principe

6 Aprile 2021

CASARSA. Dopo lo stop causa Coronavirus, al via il corso di ippoterapia per persone con disabilità al Centro Socio Occupazionale Il Piccolo Principe di Casarsa. Per ognuno degli utenti del centro un percorso personalizzato con dolci quadrupedi dell’associazione Anche noi a cavallo di Porcia. A partecipare al ciclo di dieci lezioni, un gruppo di quattro utenti. Il tutto sarà svolto nel rispetto delle norme di sicurezza e prevenzione dal contagio da Coronavirus. Alla base dell’ippoterapia, vi è la cura dell’animale con anche alcuni esercizi terapeutici mirati.

“Per alcuni dei nostri ospiti – spiega Sara Lenarduzzi, educatrice del Cso e responsabile del progetto – partecipare a queste lezioni è respirare una ventata d’ossigeno: migliorano la concentrazione e la sicurezza di sé, ottengono un rilassamento psico-fisico e lavorano sull’autonomia. Per non parlare dell’esercizio fisico che riescono a fare sul cavallo guidati dalla loro istruttrice e che serve loro per recuperare alcune fragilità”. I benefici dell’equitazione in ambito motorio, infatti, sono tanti: migliora la coordinazione oculo-manuale e dei movimenti, rafforza la muscolatura, potenzia l’equilibrio e permette l’acquisizione di una buona postura.

“Sono ormai da quasi 20 anni che portiamo a Porcia i nostri utenti – ha aggiunto Lenarduzzi – e ne sono sempre molto entusiasti con benefici terapeutici tangibili, oltre che tanta felicità e serenità che visto il periodo che stiamo vivendo non guasta”. Oltre agli esercizi e alla cura degli animali, gli utenti possono sperimentare il piacere di fare una passeggiata a cavallo in mezzo ai campi e alla natura e, nell’attesa del proprio turno, giocare con i tanti animali presenti al maneggio”.

“Ormai possiamo dire che Ferruccio, Elena e Michela del Cso di Casarsa sono i nostri veterani – spiega Giulia Marangoni, veterinaria responsabile degli animali e operatrice Attività Assistite con gli Animali – , a cui si aggiunge Enisa che ha iniziato a frequentare il nostro maneggio da meno tempo: tutti hanno voglia di rivedere Gigetta, Apache, Spugna e tutti gli altri cavalli! Qualcuno viene da noi da 25 anni e non è mai diminuita la sua voglia di accarezzare, spazzolare, dare il pane e perché no, aiutare nel vero lavoro di scuderia con la forca e la carriola…. Al maneggio sembra che tutti si sentano a casa e trovino i loro spazi. La lezione prevede degli esercizi in maneggio con i bastoni, i cerchi, le redini e la palla che aiutano l’equilibrio, il tono muscolare e l’attenzione e, alla fine, c’è la meritata passeggiata al sole! Alle volte è difficile aspettare il proprio turno perché la voglia e la felicità sono tante”.

L’associazione “Anche noi a cavallo” opera dal 1987 e si occupa in particolare di persone soggette a patologie e problematiche dell’area fisica e psichica di tutte le fasce d’età. Ogni persona ha un suo progetto personalizzato, strutturato e seguito dagli operatori specializzati.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!