Ricordato Nicolò Savorgnan Domani la Fieste dal Friûl

2 Aprile 2018

UDINE. Lunedì 2 aprile, una delegazione del Movimento Civico Culturale Alpino-Adriatico “Fogolâr Civic” e del Circolo Universitario Friulano “Academie dal Friûl”, di buon mattino, ha sostato, in segno di omaggio, e accesso un lume a Udine, nel Duomo, presso l’altare di San Marco, in ricordo di quello che fu l’ultimo, seppur controverso, capo del primo partito popolare friulano moderno ovvero Nicolò Savorgnan, detto il “Chirubin”, nel quinto centenario del suo assassinio a Villaco presso la chiesa campestre di San Marco.

“Egli cadde trafitto da tre giovani aristocratici suoi compatrioti armati da Venezia che volevano vendicarsi delle violenze della “Joibe Grasse” del 1511 contro la nobiltà regionale, violenze in cui Nicolò fu certamente implicato. Canonico aquileiese e decano del duomo di Udine senza essere prete, Nicolò, figlio naturale di Antonio Savorgnan, portava il nome glorioso del nonno, comandante delle truppe contadine del Friu ‘beltramina’ e ‘zamberlana’, aspirante piccola Atene visionaria e battagliera al crocevia delle genti d’Europa”. Titolo: “Udine ‘nuova Aquileia’ civista festeggia il suo Friuli / Udin ‘Aquilee gnove’ civiste in fieste pal so Friûl”. L’occasione è certamente quella del 941° anniversario di fondazione dello Stato patriarcale friulano ovvero della Patria del Friuli, ma c’è dell’altro: la ricorrenza dei cinque secoli dell’assassinio a Villaco dell’ultimo capo del primo partito popolare friulano moderno: il canonico udinese Nicolò Savorgnan detto ‘Chirubin’”. Dopo la presentazione e gli indirizzi di saluto del Cameraro presidente dell’Arengo cittadino, prof.ssa Renata Capria D’Aronco, e dei rappresentanti dei sodalizi promotori e aderenti all’iniziativa, sarà la volta delle relazioni. In programma tre interventi. Il primo, quello del prof. Alberto Travain, apprezzato docente udinese e promotore di cultura civica, il quale, in omaggio alla tradizione storica popolare cittadina, parlerà nell’antico friulano urbano, il cosiddetto “sitadin”, dissertando sul tema “Udin “Aquilee gnove” tra liende e progjet” (Udine “nuova Aquileia” tra mito e progetto); il secondo relatore sarà l’arch. Roberto Pirzio Biroli, celeberrimo professionista e visiting professor della Donau Universität di Krems (Austria), che disquisirà su “Agro aquileiese e Udine capitale”, seguito dal noto intellettuale e storico romano Alfredo Maria Barbagallo il cui contributo sarà incentrato sull’argomento “Friuli, itinerari di un’epica globale”.li alla celeberrima battaglia di Fornovo. Dopo l’assassinio del padre a Villaco, Nicolò dovette assumere la guida della fazione degli ‘zamberlani’ ossia del partito popolare del Friuli contrapposto a quello della casta nobiliare, partito che un tempo si appoggiava a Venezia ma che era passato sotto le insegne austriache. All’azione degli ‘zamberlani’ in fondo il Friuli deve l’unico tribunato della plebe moderno della storia d’Europa, la Contadinanza, a tutela degli interessi delle popolazioni angariate dai dominanti”. Così ha ricordato il personaggio e il suo tempo il prof. Alberto Travain, presidente del Fogolâr Civic e dell’Academie dal Friûl, che nel 2012 rintracciò a Villaco il luogo in cui venne assassinato Nicolò, contrassegnato da un’ancona marciana.

Da ricordare infine, che domani nella ricorrenza del 3 aprile 1077 in cui nacque l’antica Patria del Friuli, il Fogolâr Civic, insieme al Circolo Universitario Academie dal Friûl, in collaborazione con la Presidenza del Club per l’Unesco di Udine e con il patrocinio dell’Arengo cittadino, l’ospitalità dell’Università del capoluogo friulano e l’adesione delle associazioni: Antico Borgo Aquileia, Associazione Amici Borgo Aquileia, Associazione Giulietta e Romeo in Friuli, Circolo Culturale e Ricreativo Nuovi Orizzonti, Coordinamento Civico Udinese Borgo Stazione, Pro Loco di Città Borgo Sole Udineovest organizzano per le 16, nel salone d’onore del Toppo Wassermann, in Via Gemona 92, una “Festa spontanea della Patria friulana nella sua storica capitale”. Sono stati anche invitati anche i candidati alle cariche di Sindaco del Comune di Udine e di Presidente della Regione.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!