Renato D’Agostin Harmony of Chaos. Incontro Zero Pixel

5 Dicembre 2019

Renato D’Agostin (Foto Vittoria Gerardi)

TRIESTE. Venerdì 6 dicembre alle 18 all’Antico Caffè San Marco il festival Fotografia Zero Pixel propone l’incontro con un ospite d’eccezione: il fotografo Renato D’Agostin. Giacomo Frullani illustrerà “Harmony of Chaos”, il nuovo progetto dell’artista internazionalmente noto per le sue inedite visioni, in cui i soggetti vengono distillati dalla loro realtà e la percezione dello spazio, la relazione tra l’architettura e le persone vengono proposte allo spettatore quali nuove possibilità dell’immaginazione.

Classe 1983, D’Agostin pur facendo parte della generazione avviata al digitale ha scelto con decisione la fedeltà alla fotografia analogica. Dopo l’inizio della carriera a Venezia e un periodo a Milano si è trasferito nel 2005 negli Stati Uniti, diventando assistente del fotografo Ralph Gibson. Nel 2007 ha presentato la serie di fotografie Metropolis alla Leica Gallery di New York. Da allora sono state innumerevoli le mostre proposte negli Stati Uniti, in Europa e Asia. I suoi lavori sono stati pubblicati in numerosi libri e le sue fotografie sono entrate a far parte di collezioni pubbliche, come la Library of Congress e The Phillips Collection di Washington. Dopo 13 anni di carriera a New York nel 2018 D’Agostin ha deciso, per il suo nuovo progetto “Harmony of Chaos”, di rientrare in Italia, allestendo uno studio, in un capannone nella campagna veneta, che gli ha permesso di creare una camera oscura che gli consente di arrivare a due metri di formato con stampe ai sali d’argento.

In “Harmony of Chaos” Renato D’Agostin racconta la vibrazione e la claustrofobia percepite tra le strade di Shanghai. Lontano dal proporre un semplice ritratto della città, D’Agostin crea dalla sua esperienza sensoriale una serie che sottolinea il Dna della città post-moderna in generale. Le fotografie enfatizzano l’anonimato generato dalle strutture urbane, in un linguaggio che costantemente spinge sui piani delle proporzioni e sproporzioni. La conferenza, a ingresso libero, è proposta nell’ambito del festival Fotografia Zero Pixel, “Eureka!” (www.fotografiazeropixel.it).

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!