Religione e omosessualità: incontro al Centro Balducci

10 Aprile 2019

POZZUOLO.”Come può una persona omosessuale credente (cattolico / protestante / ebreo / buddista / musulmano / altro) mantenere una propria dimensione spirituale e allo stesso tempo restare fedele alla propria identità?”. E’ questa la domanda al centro dell’incontro organizzato da Arcigay Friuli, in collaborazione con l’Associazione Progetto Ruah di gay cristiani credenti e il Centro di Accoglienza Ernesto Balducci (Zugliano), dove il giorno 11 aprile alle 20:30 si dibatterà sull’argomento.

Una tematica di stretta attualità, alla luce di un clima politico che tenta di confrontare la fede e l’identità sessuale, che Arcigay Friuli affronta dal dialogo e il confronto su questo tema trasversale a tutte le confessioni religiose, al quale ognuna di esse risponde in modo proprio, con sensibili differenze all’interno delle rispettive comunità. Si tenterà di dare una risposta a questa domanda ascoltando l’attività e l’esperienza pastorale del gruppo di gay cristiani credenti “Ruah” e grazie a un confronto in una tavola rotonda tra esponenti di professioni religiose diverse, moderate da Francesco Lepore, latinista, saggista, ex sacerdote e dal maggio 2017 è caporedattore del quotidiano Lgbti online più “antico” d’Italia, cioè Gaynews.it

Condividi questo articolo!