Rapporto Cornacchione sulle abitudini sessuali italiane

25 Ottobre 2018

OSOPPO. Prosegue la stagione del Teatro della Corte di Osoppo con il nuovo spettacolo dell’istrionico Antonio Cornacchione. Dopo il debutto con l’intenso “Neve”, monologo di e con Luca Ferri che ha emozionato con la sua intensa riflessione-confessione, la stagione di Aná-Thema Teatro cambia decisamente registro. Sabato 27 ottobre, alle 20.45, a calcare il palco del teatro osovano sarà l’attore comico Antonio Cornacchione con il suo “Cronache Sessuali”, per una produzione Epochè ArtEventi.

Antonio Cornacchione (Foto Ricchetti)

Dopo il rapporto Kinsey che svelò al modo tutte le abitudini sessuali degli americani negli anni ’60, Antonio Cornacchione prova a scrivere un suo rapporto sulle abitudini sessuali degli italiani. Si parte dagli anni 70 per capire se la rivoluzione sessuale di quegli anni si è compiuta e se ha finalmente portato la felicità che prometteva o se invece ha alimentato soltanto frustrazione in quanto creatrice di un mondo di illusione lontano dalla realtà…

Le domande sono semplici e dirette: Se il sesso è la felicità dell’uomo moderno… allora le persone più felici della terra sono gli attori porno? E’ vero che non è possibile aprire una scuola per attori porno in quanto gli studenti vorrebbero tutti ripetere l’anno? Ma il sesso è la via più facile per arrivare al successo? L’orgasmo è un diritto o un dovere? Dietro al libertino mondo del web resiste un incallito moralista? In tutto questo c’entra qualcosa Berlusconi?Una risata vi seppellirà. Ma era quella del cavaliere?

Si parte da questo per arrivare al racconto di varie storie che Cornacchione recita in prima persona. Il ragazzo timido che si innamora della porno star, l’uomo maturo che trova il punto “G” della moglie per errore mentre cerca i calzini, la femminista che odiava gli uomini e amava le donne che copiano gli uomini.

Cornacchione, con le sue Cronache sessuali, propone una rivisitazione delle abitudini sessuali degli americani negli anni Sessanta e lo fa in salsa tipicamente italiana. La sua comicità schietta stimola e scioglie l’imbarazzo della platea, suggerito anche dall’espediente del repentino cambio di argomento che devia verso la politica. Cornacchione non rinuncia, infatti, malgrado la specificazione del titolo, ad affrontare con la sua ironia pungente anche questo genere di cronaca, quella di cui è sempre stato salace esaminatore e dalla quale più spesso lo abbiamo visto trarre ispirazione.

Per informazioni e prenotazioni è possibile telefonare allo 04321740499 o al 3453146797, inviare una email all’indirizzo info@anathemateatro.com o consultare il sito www.anathemateatro.com

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!