Quattro nuovi incontri Irse sul futuro dell’Europa

11 Novembre 2019

Pietro Greco

PORDENONE. La cultura storico-politica al centro del nuovo ciclo di incontri promossi da mercoledì 13 novembre a Casa Zanussi, Pordenone: un progetto a cura del giornalista Roberto Reale per l’Irse – Istituto Regionale di Studi Europei. Quattro tappe con protagonisti chiave per leggere l’Europa 2020 e le sue urgenze, in attesa della “Conferenza sul futuro” annunciata per il 2020 dalla presidente UE Ursula von der Leyen. Si parte dopodomani alle 15.30 con il divulgatore Pietro Greco, voce storica di Radio3 Scienza, fra i fondatori di Idis-Città della Scienza a Napoli: “Dagli scienziati un nuovo appello agli europei. Tra storia e urgenza di scelte” titola l’incontro che focalizzerà su scienza, ambiente e cambiamenti climatici, per sollecitare la necessità di scelte precise, da parte dei Paesi europei, intorno alle urgenze ambientali del nostro tempo. Un tema reso così evidente e imprescindibile proprio da una giovanissima cittadina europea, la svedese Greta Thunberg, che attraverso la sua tenace sensibilizzazione ha proiettato il mondo davanti a scelte non più differibili.

Laura Nota

Giovedì 21 novembre atteso protagonista sarà il presidente nazionale Acli Roberto Rossini: a lui il compito di approfondire un tema centrale, ovvero come “Rigenerare un’Unione europea riformista, e attenta al sociale”. Portavoce dell’Alleanza contro la povertà in Italia, in dialogo con Roberto Reale guiderà il pubblico in un’analisi attraverso le politiche di welfare, di solidarietà e assistenza che i Paesi europei dovranno riconoscere e sintetizzare in direttive capaci di esprimere la nuova Europa dei popoli anziché una vecchia e inadeguata euro-oligarchia.

Giovedì 28 novembre si parlerà di “Educazione civica digitale, chiave di vera innovazione” con un “millennial” friulano, Matteo Troìa, informatico “in carriera”, attualmente in forze al Team per la Trasformazione Digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri. La digitalizzazione come chiave di volta per una svolta reale nel terzo Millennio: Matteo Troìa, nativo di Casarsa e laureato in Informatica all’Università di Udine, è attualmente alla conclusione della Laurea Specialistica e da novembre 2016 a marzo 2018 ha lavorato come Data Analyst nella Commissione Parlamentare d’Inchiesta sulla Digitalizzazione e l’Innovazione della Pubblica Amministrazione, presso la Camera dei Deputati.

Roberto Rossini

Si chiude, giovedì 5 dicembre, con l’incontro dedicato a “Inclusione e innovazione sociale”, per una analisi dei processi e confronti di buone pratiche in Europa. Sarà la docente Laura Nota, ordinaria di Psicologia dello Sviluppo e Psicologia dell’Educazione all’ Università di Padova, a guidare gli spettatori, in dialogo con Roberto Reale, attraverso le best practice avviate in tema di inclusione e i progetti che possono realmente favorire la coesione sociale nei Paesi europei.

L’ingresso è libero, info irse@centroculturapordenone.it Gradita l’iscrizione, facendo pervenire i propri dati alla Segreteria Irse irse@centroculturapordenone.it tel. 0434 365326.

Come consuetudine degli incontri Irse, ampio spazio è dato al dibattito con interventi liberi. Saranno coinvolti docenti e studenti degli istituti Isis Liceo Economico Sociale Pujati di Sacile, Istituto Istruzione Superiore Flora di Pordenone, Liceo Scientifico Michelangelo Grigoletti Pordenone, Istituto Tecnico Statale Settore Economico Mattiussi Pordenone, Isis Le Filandiere San Vito al Tagliamento.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!